Gli opposti mi attraggono

Nell’arco di ventiquattro ore, tra sabato e domenica, ho visto due film che per molti versi sono agli opposti. Uno strapieno di effetti speciali e con ritmo travolgente, Transformers 4 (qui), l’altro senza l’ombra di un effetto e dal ritmo molto più lento, Gli elefanti hanno buona memoria (qui). In comune hanno che sono due film di genere, uno d’azione e l’altro giallo, e che sono due belle storie raccontate bene e girate con gusto. Ma com’è possibile che mi siano piaciuti entrambi, e non solo a me, anche a mia moglie???

Annunci

Il caldo non fa male ai giocatori, ma ai telecronisti

A questi mondiali è veramente difficile reggere 120 minuti. Non di gioco, ma di telecronaca. Su Sky la solita concitazione esagerata. Su Rai volano certe boiate… 2 esempi a caso. Ieri sera, ho capito qual è il problema di Dossena. Non è l’antipatia, né la supponenza, né la saccenza, ma la pura e semplice logica. “Strano che i tedeschi vadano in difficoltà con gli algerini che gli chiudono gli spazi.” Eh, sì, stranissimo. Di solito, quando ti chiudono gli spazi giochi meglio! Il giorno prima, Olanda-Messico, altro telecronista. Per lui, il portiere messicano è un fenomeno. Può darsi. Ma quando la palla scagliata da un olandese dalla distanza di due metri gli sbatte contro la faccia e poi sul palo, non puoi andare avanti mezz’ora a dire che ha avuto un riflesso “eccezionale”. Dai, dopo 52 replay! Ennesima dimostrazione che il giornalista, come razza, può avere a sua disposizione tutte le telecamere di questo mondo, ma continuerà a vedere solo ciò che vuole vedere. A questo punto, meglio Sky, ma togliendo la telecronaca e lasciando in sottofondo i rumori dello stadio.

Il giorno dopo, tutti fenomeni

Copincollo due miei post pubblicati ieri e oggi su facebook.

Il giorno dopo son tutti bravi. Per esempio questi (qui), a urne ancora calde, hanno già tirato fuori 7 motivi per il flop di Grillo. Non 1, ben 7. Eppure solo ieri, dico ieri, tutti lo davano alla pari o sopra il Pd. E scommetto che questi, ieri, avrebbero trovato 7 motivi, come minimo, per spiegarci il perché di un successo annunciato (qui).

Un altro che il giorno dopo le elezioni è un fenomeno è Paolo Mieli. Ieri, scanalando, l’ho sentito con le mie orecchie prendere nettamente le distanze dai fessi che si erano fatti infinocchiare dal “sorpasso” di Grillo su Renzi. “Parli per lei” ha detto, risentito, a Formigli. “Io ho il polso del paese e avevo già capito che il sorpasso di Grillo era completamente inventato.” Sì sì, come no. Infatti, 13 giorni fa a Ballarò, non solo stava al gioco dei sondaggi, ma addirittura motivava il sorpasso con la lentezza di Renzi (qui). E dire che basterebbe un po’ di sana prudenza, per non perdere la faccia.

Il nuovo programma di Giulia Innocenzi, pro e contro

Ho sempre pensato che fosse la migliore della scuderia Santoro: garbata, con una bellezza particolare e quell’aria a modino come piace a me. L’altra sera ho scoperto altre sue virtù: è tosta il giusto per farsi affidare una conduzione, furba il giusto per tenere aperto il dibbbattito. Mi piace anche la formula del personaggio noto (Renzi) seduto in cerchio con i ragazzi. Il nome “Announo” è già un passo avanti, rispetto al raggelante “Annozero” di cui è un’appendice. Ho cambiato canale solo durante il pallosissimo diario di Travaglio che, privo del suo osso preferito, Silvio, non sembra più lui. Santoro e Vauro, in chiusura, non li ho guardati. E ora la nota più triste: il secondo ragazzo più votato via social network ha conquistato i voti grazie a uno sfogo vittimista e arrogante, facendo leva sul nostro senso di colpa per un presunto passato “neocolonialista”, tipo: siete voi bianchi che ci avete reso poveri e ignoranti!!! Insomma, le vecchie categorie fuorvianti, come il “neocolonialismo”, non sono ancora defunte. La storia scritta sotto dettatura dell’Unione Sovietica si è reincarnata in un ragazzo probabilmente nato dopo il crollo del comunismo. A cui nessuno si è sognato di ribattere niente, nemmeno “a”. Bah.

Tolto il segreto di stato sulle stragi. Ecco come andrà a finire

Dato che ho una mezz’ora da perdere, mi dedico alla sterile arte del prevedere il futuro. Il tema è il segreto di stato sulle stragi degli anni 60, 70 e 80: piazza Fontana, stazione di Bologna, piazza della Loggia a Brescia, Italicus, Ustica etc. Quei fatti su cui è stato costruito il falso mito dello “stato nello stato”, dei “servizi deviati”, dei “livelli” etc. Quei casi che fino a oggi non potevano essere risolti perché – così dice il mito – lo stato proteggeva se stesso e la sua complicità. E giù decine di puntate dei vari Lucarelli & Co. Ebbene, io non ho letto i documenti a cui hanno appena tolto il segreto, né mai lo farò, ma mi azzardo a prevedere che non si arriverà a niente. Perché? Semplice. Il mito diffuso dai complottisti lascia intendere che questi documenti siano una specie di corpus mysticum che contiene una verità ben chiara, definitiva, ma tenuta nascosta perché troppo compromettente. Tipo: furto di vino e salsicce, esecutore Poldo, mandante apparente Nonno Trinchetto, mandante vero Braccio di Ferro, movente la fame e la sete, nascondere le prove a Olivia. Ma non è così. Le migliaia e migliaia di pagine conterranno inevitabilmente parecchie contraddizioni, ipotesi non suffragate, testimonianze contrastanti, indizi vaghi, incongruenze come se piovesse, (e forse anche omissis, chissà), come tutte le indagini di questo mondo. E quindi vai di interpretazioni e controinterpretazioni. Sotto sotto, è quello che sperano i Lucarelli & Co, così potranno continuare a fare il loro mestiere: insinuare dubbi, alludere a intrighi, adombrare sospetti. Nelle loro sapienti mani, anche questi nuovi documenti andranno ad alimentare oscure leggende sugli inenarrabili misfatti dello stato. Dove sembrava esserci un semplice depistaggio, si scoprirà che in realtà c’erano tre macchinazioni incrociate con avvitamento multiplo e controdepistaggio a sorpresa. Come ho detto più volte, roba buona per bei romanzi e bei film, ma nulla o poco a che vedere con la storia.