Meno immatricolati? Meglio così

Calano gli iscritti all’università (qui). Naturalmente, per il giornalista collettivo è subito allarme: “bollettino di guerra”, “crisi”, “famiglie in ginocchio” etc. Si arriva perfino a parlare senza ironia del corso di sostegno – di sostegno! – alle famiglie per convincerle a iscrivere il pargolo riottoso! Per me, invece, si tratta di un buon segno. Il segno che stiamo finalmente uscendo dal tunnel di quella droga che è il mito del pezzo di carta. E se per uscirne era necessaria questa maledetta crisi, allora ben venga questa maledetta crisi.

Sempre più università applicano il numero chiuso? Bene: sempre meno bivacchi. Si tenga anche presente che solo uscendo dal tunnel, si potrà invertire una tendenza, questa sì pessima: la diminuzione delle borse per i meno abbienti. Fatto paradossale, se si pensa che le tasse universitarie continuano ad aumentare (un classico italiano: spremere chi ne ha, e si fotta chi non ne ha). Quello che, invece, mi manca, è un confronto vero con i paesi stranieri: quanti sono lì, in relazione alla popolazione, gli immatricolati? Io scommetto di meno. E scommetto che il tasso di abbandono è molto inferiore, proprio perché da noi si iscrivono tutti, così, tanto per.

Poi c’è un’altra considerazione di sano realismo: a che serve, da noi, la laurea? A guadagnare di più? Molto spesso, no. A trovare più facilmente lavoro? Molto spesso, no. In molti casi è un pezzo di carta del tutto inutile, oltre che costoso. Da sfruttare preferibilmente all’estero, perché qui la famosa “innovazione” è ostacolata in tutti i modi, non ultimo il rifiuto ideologico di abbassare le tasse alle imprese e la grande idea di tassare il risparmio. E quindi? Quindi è perfettamente naturale che la gente si faccia due conti e sempre più spesso scelga di non andare all’università. Prima o poi anche l’informazione arriverà a fare ragionamenti del genere, e sarà facile capire quando sarà avvenuto: quel giorno, magicamente, sui media il “pezzo di carta” cesserà di essere un “diritto” e diventerà un volgare mito “reazionario”.

Annunci

“Se mandi tuo figlio alle scuole private sei una brutta persona”

In Italia, mandare i figli alle scuole private è visto con sospetto. Almeno, negli ambienti dove predomina l’appartenenza a sinistra. Ma attenzione, c’è un sacco di gente di sinistra che manda i propri figli alle scuole private. Perché sono di sinistra, ma mica sono scemi. Ebbene, queste persone devono solo avere l’accortezza di non sbandierarlo ai quattro venti, o, se scoperti, di dirlo con contrizione, con giustificazioni tipo “E’ una scuola speciale”, o “La scuola pubblica fa schifo, ma è ovvio, la destra ha tagliato i fondi!”  In quegli ambienti fa molto figo anche disprezzare chi vuole incentivare le scuole private. Di passaggio, mi piace ricordare il Bersani che sale sul tetto dell’università col sigaro in bocca, icona della lotta contro la presunta “distruzione” della scuola pubblica ad opera della ministra Gelmini. In America, invece, te lo dicono in faccia: “Se mandi tuo figlio alle scuole private sei una brutta persona” (qui).

8 settembre 1943. Vincenti e mazziati?

Sto leggendo le bozze di un libro molto interessante sull’8 settembre e sulle sue conseguenze storiche, ma soprattutto sul fatto che noi italiani non abbiamo mai fatto i conti con la storia. A me, quando ero studente del liceo e poi universitario, non fu facile capire che la seconda guerra mondiale l’avevamo persa. Sì, persa. E non è stato facile perché la “vulgata”, che viene insegnata nelle aule e tramandata sui libri, dice che abbiamo vinto. Abbiamo vinto contro i tedeschi e contro i fascisti, che erano il male. Perché noi, come popolo, stavamo tutti dalla parte del bene. Milioni e milioni di partigiani. Ma siamo proprio sicuri sicuri? Quando il libro esce, vi dirò qualcosa di più.

Salviamo l'antipolitica dall'estinzione! / 2

Dopo il primo (qui), ecco il secondo e ultimo capitolo del manuale di istruzioni per salvaguardare le specie di antipolitica a rischio estinzione dopo l'abbandono di Silvio.

“Casta Meretrix”
Mission: Fornire un capro espiatorio alla belva detta “buona borghesia illuminata”.
Orto botanico: Corriere della Sera, la Stampa, Mentana.
Rovesciando il senso della definizione della Chiesa, la politica in quanto “casta” viene descritta come "meretrix": il gran bordello dove si raccoglie ogni vizio, pubblico e privato. Un ritratto infame, in cui la belva borghese e illuminata può specchiarsi ogni mattina, mentre divora avidamente quintali di libri farciti di dati e di intercettazioni pornografiche. Questa specie tratta ogni minimo cedimento del terreno e ogni pioggerella primaverile come catastrofi bibliche irreversibili. Viceversa, saluta come messia inviati dal cielo i freddi burocrati, i miracolosi tecnici e i soliti giovanotti figli di papà, di magistrati, di avvocati e di banchieri: popoli viola, Indignados e compagnia cantante. Tutto con il dovuto grado di compunzione, di entusiasmo e di giovanilismo, nel penoso tentativo di non rimanere indietro rispetto alla specie “Cyber-Salvezza” (vedi capitolo 1). Pianta pret a porter, perfetta sotto il braccio di tutti: precari e finanzieri, postali e banchieri, omini deboli e poteri forti. Coltiva imprenditori e/o presidenti di confindustria di ceppo non brianzolo, che a loro volta coltivino ambizioni politiche.

"Manetta Salvatrix"
Mission: La società deve essere riformata per via politica, ma prima la politica deve essere riformata per via giudiziaria.
Giardinieri di lungo corso: Di Pietro, Zagrebelsky, Lerner, Santoro, Travaglio, Ingroia, Scalfari, Mauro. Orti: Repubblica, Fatto, Infedele.
Fertilizzante consigliato: Mani Pulite. Spargere i semi del sospetto universale in auditori, adunate, cortei, trasmissioni tv, con sprezzante indignazione, sdegno, odio personale, sinceri o simulati. Da innestare sul tronco macilento dell’azionismo, dell’anti-capitalismo, dell'antimafia e del falso mito del Partigiano Rosso (vedi "Bella politica" nel cap.1). No petrolieri americani, sì finanzieri svizzeri. No OGM, sì eugenetica. Sì sì sì fonti alternative purchessia (vedi in capitolo 1: "Non ti scordar di Lenin"). Cantare ogni mattina e ogni sera “O bella ciao” in coro con i magistrati combattenti e con i pentiti accondiscendenti, per conferire alla linfa profondamente squadrista una pigmentazione sinceramente democratica.
 
“Ampolla Coeltica”
Mission: Riportare al nord i soldi del nord.
Piantumazione: il Bossi da Gemonio.
Luogo d’origine: la foce del Po. Si esprime sempre a muso e a pisello duro. Specie colorita e folcloristica, da nutrire con baracconate periodiche, corna vichinghe, cornamuse celtiche, rituali ancestrali. Promette a vanvera la secessione, porta a casa il federalismo, ma rischia di rovinare tutto allineandosi con Pd e Cgil. Possibilmente, eviti di far cadere il governo sulle pensioni, come quindici anni fa.
 
“Rivoluzione Liberalis”
Mission: Introdurre il liberalismo in un paese para-socialista, governato dalla concertazione.
Giardiniere leader: Silvio Berlusconi.
Da proporsi come specie alternativa sia alla vecchia “politica politicante” sia a molte specie di antipolitica. Le quali, infatti, fanno quadrato per espellerla a tutti i costi dalla loro foresta pietrificata. E' colorita, vitale, ottimista, creativa. Indulge in eccessi "riproduttivi" maschio con femmina, ed è megalomane. E' capace di farsi capire direttamente dalla gente, di saltare le vecchie mediazioni, attirare voti a milioni e insulti a miliardi. Fin dal vivaio, è priva di "etichetta", e questa sua vena anarcoide e anticonformista provoca la stizza delle piante più vetuste e più conservatrici, come Querce e Ulivi, più giuristi e banchieri amici loro. E, naturalmente, dei loro giornali prezzolati, commentatori prezzolati e presentatori prezzolati. E' utile a smascherare i finti riformatori. Da mostrare con parsimonia agli ospiti stranieri, che tanto non ci capiranno nulla. Rimane invischiata nei veti incrociati di burocrazie vegetali e nell’inestirpabile parassitismo sociale (o socialista). Sopporta con sempre meno pazienza certi colpi di mannaia giudiziaria che spaccherebbero la corteccia e i coglioni alla sequoia più resistente. Si fa beffe dei manifesti senza costrutto da parte di imprenditori rampanti e rampicanti sociali di ogni tipo. I suoi buoni frutti si vedranno tra qualche tempo, e presto si arriverà a rimpiangerla. Per rifiorire, oggi ha bisogno di decisioni impopolari di segno liberale, invise perfino al sottobosco amico.
(2.Fine)
——–

Los Pecorones. In piazza come in redazione

Per la meglio intellettualità italiana, l'Italia è sempre, ogni santo giorno da anni e anni, sull'orlo di uno sconvolgimento epocale. Sia in positivo, sia in negativo. Non esiste gradualità, prudenza, cauto ottimismo. E' tutto o bianco o nero, o apoteosi o catastrofe. E' sempre l'ultima chance prima del collasso, del baratro, dell'abisso, dell'apocalisse. Oppure, al contrario, ecco arrivare il salvatore, il messia, l'uomo del destino. Un modo di pensare che si abbandona all'emotività, all'istinto del gruppo, alle mode del momento, invece che al pensiero individuale, lento e prudente. Una mentalità che oggi viene accreditata come "sinceramente democratica", ma che in realtà è perfetta per preparare la strada all'autoritarismo e al totalitarismo, perché promette ciò che nella politica liberal-democratica, così come nella vita, non esiste: il cambiamento radicale e istantaneo. La rivoluzione.
Questa infausta mentalità si declina in modi diversi. In politica, c'è chi si propone di "salvare l'Italia" (e perché non il mondo?), come il Pd o gli imprenditori alla Marcegaglia-Montezemolo-Della Valle. C'è chi marcia da decenni verso il Sol dell'Avvenire, e oggi che sente odore di sangue si ributta nella mischia, come la sinistra radicale. C'è lo squadrista della legalità, Antonio di Pietro. C'è chi la butta sul folclore pagano di ampolle miracolistiche, come la Lega. C'è chi, invece, tenta di mitigare questo istinto sempre latente, da cui nessun italiano può dirsi davvero immune, lanciandosi su una strada nuova, di stampo conservatore, che Berlusconi ha tracciato e che oggi si chiama Partito Popolare Europeo.
Ma, soprattutto, come dicevo, ci sono gli intellettuali in blocco, a parte pochissime eccezioni. Gli intellettuali sono quelli che ci credono di più, e che, a differenza dei politici, non hanno nemmeno la scusante del cinismo a fini elettorali. Costoro oggi sono tutti lì, come un sol uomo, a coccolare e a vezzeggiare gli ultimi salvatori della patria e del mondo, gli Indignados. Uno come Santoro arriva a parteggiare esplicitamente con i violenti, ma lasciamolo perdere. Gli altri si tengono a distanza dai violenti, ma c'è chi dice che sotto sotto parteggino per loro. Io questo non lo so, non sono il loro analista. Mi limito a leggere quello che scrivono, e a rifletterci sopra. E talvolta traduco le loro parole in immagini. Per esempio, oggi ho letto uno di loro e mi è nata nel cervello l'idea che l'intellettuale italiano sia una specie di "rivoluzionario crepuscolare", eternamente sospeso tra l'infatuazione per il vitalismo tropicale di Che Guevara e la decadenza tardo-sabauda di Guido Gozzano.
I più acuti fra voi avranno già riconosciuto Massimo Gramellini, autore non a caso del crepuscolare Che tempo che fa e delle pillolette lassative del mattino sulla Stampa, aiutino gastroenterico per rivoluzionari in pensione. Oggi parte con un proditorio, cheguevariano "Mi ribello", e poi evoca una "generazione degli Indignati" che esiste solo nella sua mente. Ennesima riproposizione di mille altre presunte "generazioni" che in questi anni dovevano salvare l'Italia e il mondo, e invece sono durate lo spazio di una notte. Tutte copie sbiadite, nostalgiche, di una speciale "generazione", il Sessantotto, di cui l'autore si dispiace di non fare parte, quella che doveva spaccare il mondo, e che invece finì in una scorreggina. Piccola, eh, ma assai cupa e assai funesta, come sanno essere solo quelle che spara il nonno dopo un'indigestione di bagnacauda.
Poi evoca il gran nemico di oggi e di allora, i "benpensanti", e sogghigna sull'ormai famoso "Er Pelliccia". Notare che in questo modo esorcizza la violenza del ragazzo e la rimuove, perché non collima con la sua immagine idealizzata. No, per giove, costui non deve assolutamente diventare il simbolo di questa nobile "generazione". Infatti, "Non sono proprio tutti così, i ventenni di oggi." Notate, anche qui, che questa difesa d'ufficio è del tutto inutile e fuori luogo, perché sappiamo tutti benissimo che i giovani non sono tutti né come quello sfigato violento, né come i pacifici pecoroni che sfilano ormai ogni venerdì per qualche nobile causa, senza violenza, sì, ma anche senza idee. Sono solo gli intellettuali alla moda, e i politici di sinistra, ad essere cascati nella bufala propalata dagli Indignados stessi, di essere il 99%.
Va beh, non vi annoio oltre. Segnalo solo che, involontariamente, Gramellini dà una definizione perfetta di buona parte dei Pecorones, pardon, Indignados: "belloccio, bamboccio, lavativo, ignorante." E anche della classe intellettuale italiana: "bla bla giovanilista" e "una società fondata sull'emotività delle immagini, invece che sulla profondità dei gesti e delle parole."
Pecorones in piazza, pecorones in redazione. E il cerchio si chiude. Pardon, el cerchios si chiudes! 

Indignados, l'allegra carnevalata (tranne che nella cupa Italia)

L'indignazione è il sentimento più facile, gratuito, meno impegnativo che ci sia. Una volta gli "indignados" li trovavi al bar della piazza, e potevi stare sicuro che con loro trovavi una spalla per le tue piccole frustrazioni, rancori, odi, antipatie. E' molto rassicurante conoscere un posto dove ci sarà sempre qualcuno con cui borbottare, sacramentare, augurarsi la morte dell'oscuro mandante di tutti i nostri guai, chiunque sia e dovunque sia. Poi si tronava a casa e tutto era come prima, ma almeno eri un po' più sollevato. Mica poco. Oggi, con la potenza tecnica di internet, ecco che il tuo messaggio, la tua indignazione da bar, arriva in un attimo ai quattro angoli del mondo. Il tuo sfogo fatuo e irresponsabile diventa lo sfogo di cento, mille, diecimila, un milione, un miliardo, senza peraltro perdere un grammo della sua fatuità e irresponsabilità. Non servono più anni di studio e di lavoro, non serve più fare politica per creare consenso intorno a un'idea: basta un singolo, rapidissimo click.
Poi, così come una volta si usciva sulla piazza un po' alticci a insultare a casaccio le massime autorità e Dio, ecco che anche la rete si dimostra contigua alla piazza. Infatti, il "popolo della rete" ha tutti i mezzi per rispondere affermativamente ad ogni convocazione, a qualsiasi ora del giorno e della notte (e così dimostra la sua netta superiorità rispetto al bar, che a una certa ora chiudeva e ti sbattevano fuori a calci nel sedere): le centinaia di euro necessarie le mettono i genitori, che spesso e volentieri vengono anche loro; lo studio può sempre aspettare; il lavoro meglio non averlo del tutto, che se no mi rovina l'immagine di rivoluzionario a tempo indeterminato. Ed ecco nascere l'allegra carnevalata, fatua e irresponsabile, il gigantesco lavacro delle coscienze, tanto innocuo quanto inutile. La finanza, la politica, i precari, le donne, l'ambiente, il terzo mondo, la pace. Tutti in maschera, tutti a ballare! Salvo in Italia, dove ci si distingue per cupezza e violenza. Anche in questo caso, siamo riusciti a insozzare tutto, insensibili come siamo alla gioia, al buonumore, alla goliardia. 
Che quella degli "indignados" sia solo una grande carnevalata, lo dimostra anche l'esagerato interesse e l'affetto da parte dei grandi commentatori dei grandi giornali e tv (e perfino il governatore della Bce!), tutti lì a coccolare e a vezzeggiare i giovani in cui riconoscono i se stessi del Sessantotto, la stessa fatuità, la stessa irresponsabilità e, nel caso dell'Italia, la stessa cupezza. Ma sentiamo direttamente le loro voci, intervistati da La7, a domanda secca: che cosa chiedete di preciso? "L'essere umano è la cosa più importante." Ok, e quindi, cosa chiedete di preciso? "In futuro non avremo più diritti." Ok, e quindi cosa chiedete di preciso? "Ci hanno tolto la libertà, la dignità, l'identità." E quindi, che cosa chiedete di preciso? "No Berlusconi, no governo, no Bce, no politica, no banche, no finanza." Chiaro, no? La protesta per la protesta. L'indignazione per l'indignazione. E poi tutto come prima, ma un bel po' più sollevati. Tranne che nella cupa Italia, dove la lezione di Genova non è servita, dove si è fatto di un teppista un eroe, e dove si trova sempre qualcuno (l'altro ieri pare i No Tav) pronto alla violenza.