Il caldo non fa male ai giocatori, ma ai telecronisti

A questi mondiali è veramente difficile reggere 120 minuti. Non di gioco, ma di telecronaca. Su Sky la solita concitazione esagerata. Su Rai volano certe boiate… 2 esempi a caso. Ieri sera, ho capito qual è il problema di Dossena. Non è l’antipatia, né la supponenza, né la saccenza, ma la pura e semplice logica. “Strano che i tedeschi vadano in difficoltà con gli algerini che gli chiudono gli spazi.” Eh, sì, stranissimo. Di solito, quando ti chiudono gli spazi giochi meglio! Il giorno prima, Olanda-Messico, altro telecronista. Per lui, il portiere messicano è un fenomeno. Può darsi. Ma quando la palla scagliata da un olandese dalla distanza di due metri gli sbatte contro la faccia e poi sul palo, non puoi andare avanti mezz’ora a dire che ha avuto un riflesso “eccezionale”. Dai, dopo 52 replay! Ennesima dimostrazione che il giornalista, come razza, può avere a sua disposizione tutte le telecamere di questo mondo, ma continuerà a vedere solo ciò che vuole vedere. A questo punto, meglio Sky, ma togliendo la telecronaca e lasciando in sottofondo i rumori dello stadio.

Annunci

Per 6 mesi questo blog assume la presidenza dell'Ue. Sono ammessi solo commenti sinceramente europeisti

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...