Il giorno dopo, tutti fenomeni

Copincollo due miei post pubblicati ieri e oggi su facebook.

Il giorno dopo son tutti bravi. Per esempio questi (qui), a urne ancora calde, hanno già tirato fuori 7 motivi per il flop di Grillo. Non 1, ben 7. Eppure solo ieri, dico ieri, tutti lo davano alla pari o sopra il Pd. E scommetto che questi, ieri, avrebbero trovato 7 motivi, come minimo, per spiegarci il perché di un successo annunciato (qui).

Un altro che il giorno dopo le elezioni è un fenomeno è Paolo Mieli. Ieri, scanalando, l’ho sentito con le mie orecchie prendere nettamente le distanze dai fessi che si erano fatti infinocchiare dal “sorpasso” di Grillo su Renzi. “Parli per lei” ha detto, risentito, a Formigli. “Io ho il polso del paese e avevo già capito che il sorpasso di Grillo era completamente inventato.” Sì sì, come no. Infatti, 13 giorni fa a Ballarò, non solo stava al gioco dei sondaggi, ma addirittura motivava il sorpasso con la lentezza di Renzi (qui). E dire che basterebbe un po’ di sana prudenza, per non perdere la faccia.

Annunci

7 commenti su “Il giorno dopo, tutti fenomeni

  1. peppone ha detto:

    Sinceramente il cumulo di scemenze scritte da Zamarion su giornalettismo per negare una sconfitta clamorosa sono ben peggio delle analisi di Mieli, adesso cerca di sminuire la portata della sconfitta berlusconiana, ma solo una settimana fa scriveva ”
    “Fossi nei panni di un anti-berlusconiano non sarei tanto tranquillo. Le parole dell’ex segretario al tesoro degli Stati Uniti Tim Geithner sulla «trama per cercare di costringere il premier italiano Berlusconi a cedere il potere» hanno offerto un assist formidabile al leader di Forza Italia in una campagna elettorale che vedeva il suo partito attestato sulla linea del Piave. Adesso il patriota Berlusconi andrà all’attacco per fare del voto una specie di referendum su se stesso e conquistare il voto degli indecisi e dei potenziali astensionisti. Saranno dieci giorni di fuoco.”
    Evidentemente ormai la demenza senile si è impadronita della mente dei berlusconiani, una settimana dopo aver definito le elezioni europee “un referendum sul SIlvio” avendo preso un terzo dei voti del principale e avversario se ne è già dimenticato.
    SIETE VERAMENTE MESSI MALE, e se non ammettete i vostri catastrofici errori e non cambiate rotta finirete sempre peggio.
    E la colpa è al 100% della paranoia berlusconiana per cui chiunque poteva dimostrare capacità e ambizioni sufficenti a diventare un leader era un pericoloso concorrente del vecchio rincitrullito, per cui avete distrutto il futuro del centrodestra come aveva previsto giustamente Montanelli nel 1995.

  2. vincenzillo ha detto:

    peppone, “SIETE VERAMENTE MESSI MALE”

    A livello elettorale, non c’è dubbio. A livello di ossessione, però, tu ci batti alla grande.

  3. Zamax ha detto:

    Montanelli nel 1995? Sono passati 19 anni… e il futuro è ancora tutto davanti a noi… allegria!!!

  4. Zamax ha detto:

    Le ricordo inoltre, caro Peppone, che nel 1995 il centrodestra esisteva da solo un (1) anno. Prima non esisteva e la parola “centrodestra” non era nemmeno contemplata nel lessico politico italiano. Il centrodestra l’ha fondato ed inventato Berlusconi: oggi è ventenne e naturalmente è ancora vivo.

  5. Zamax ha detto:

    Il centrodestra auspicato dai giornali semplicemente non è il centrodestra, ma un centro di complemento. Con la targhetta “centrodestra”. Se il centrodestra è odiato e svillaneggiato significa che è ancor vivo. Se Berlusconi è morto, perché non lo lasciano in pace? Perché se ne occupano? Perché volete convincerci che siamo morti? Perché lei viene qui a ricordarcelo, che siamo morti?

    Prrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrr…… (pernacchia)

  6. vincenzillo ha detto:

    zamax, “Perché volete convincerci che siamo morti?”

    Sacrosanta domanda, e hai già dato la risposta esatta.

  7. peppone ha detto:

    Io non penso che siete morti, solo che siete affetti da una cecità ideologica che vi impedisce SEMPRE di amettere i propri errori, il che vi porta solo a ripeterli, passare da 11 milioni di voti a meno di 4 milioni dovrebbe essere preoccupante, in realtà se sapeste legger ho solo detto che chiprima dice entusiasta ed ottimista ” Berlusconi andrà all’attacco per fare del voto una specie di referendum su se stesso” e poi si arrampica sui vetri per sminuire la propria sconfitta con una perdita di 4 milioni di voti in un anno mi sembra faccia parte dei “fenomeni” criticati da Vincenzillo.
    Naturalmente la pernacchia di risposta è solo un esempio della deriva grillina di Zamarion, quando non hai argomenti diventa necessario lo sberleffo del buffone, il centro destra, e la destra non sono morte, e rappresentano ancora la maggioranza degli elettori, e questo è il vostro vero problema, che non vi prende sul serio più nessuno, e andare a rimorchio della lega come state facendo adesso è un suicidio.

Per 6 mesi questo blog assume la presidenza dell'Ue. Sono ammessi solo commenti sinceramente europeisti

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...