Il nuovo programma di Giulia Innocenzi, pro e contro

Ho sempre pensato che fosse la migliore della scuderia Santoro: garbata, con una bellezza particolare e quell’aria a modino come piace a me. L’altra sera ho scoperto altre sue virtù: è tosta il giusto per farsi affidare una conduzione, furba il giusto per tenere aperto il dibbbattito. Mi piace anche la formula del personaggio noto (Renzi) seduto in cerchio con i ragazzi. Il nome “Announo” è già un passo avanti, rispetto al raggelante “Annozero” di cui è un’appendice. Ho cambiato canale solo durante il pallosissimo diario di Travaglio che, privo del suo osso preferito, Silvio, non sembra più lui. Santoro e Vauro, in chiusura, non li ho guardati. E ora la nota più triste: il secondo ragazzo più votato via social network ha conquistato i voti grazie a uno sfogo vittimista e arrogante, facendo leva sul nostro senso di colpa per un presunto passato “neocolonialista”, tipo: siete voi bianchi che ci avete reso poveri e ignoranti!!! Insomma, le vecchie categorie fuorvianti, come il “neocolonialismo”, non sono ancora defunte. La storia scritta sotto dettatura dell’Unione Sovietica si è reincarnata in un ragazzo probabilmente nato dopo il crollo del comunismo. A cui nessuno si è sognato di ribattere niente, nemmeno “a”. Bah.

Annunci

Per 6 mesi questo blog assume la presidenza dell'Ue. Sono ammessi solo commenti sinceramente europeisti

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...