Schettino. La verità viene a galla

Per la serie: la verità viene sempre fuori. Anzi, direi “a galla”. Le registrazioni nautiche dell’assicuratore Lloyd’s dimostrano inequivocabilmente che anche altre navi della Costa Crociere, prima della Costa Concordia di Schettino, erano passate vicinissime al punto dell’impatto fatale, per fare il famoso “inchino”. La distanza esatta è 230 metri (qui). Per avere un termine di paragone, considerate che la lunghezza della nave è maggiore: 290 metri. E quindi? Quindi Schettino non era l’unico. C’erano altri comandanti, i dirigenti, la proprietà, e anche persone comuni, che sapevano. “Tutti sapevano”, direbbe lo sciatto cronista del Corriere, di Repubblica o dei Tg nazionali, o il tignoso commentatore alla Beppe Severgnini, se non fosse che tutti costoro hanno cavalcato la tesi opposta: l’unico colpevole è sempre stato Schettino. Scommetto che un investigatore mediocre avrebbe potuto trovare chissà quanti video, foto, selfie, degli altri inchini. Ma nessuno li ha cercati, men che meno i media. Erano tutti troppo impegnati a gridare a squarciagola contro l’unico responsabile. Media evolutissimi e popolo becerissimo in perfetta “concordia”. Invece di seguire la via più difficile, quella ricerca della verità che esige prudenza, equanimità e saldezza di spirito, si sono lasciati andare alla facile isteria collettiva, per lavarsi collettivamente la coscienza. Additare il capro espiatorio, l’unico “cialtrone” e “vile”, e segnare, così, la propria distanza morale da lui. Ebbene, oggi la vera distanza morale che separa i milioni di De Falco – “torni a bordo, cazzo!” – e l’unico Schettino, è stata calcolata con precisione scientifica: 230 metri. Non chissà quanti anni luce, ma solo una manciata di metri. Chi l’avrebbe mai detto? Io. A poche ore dal naufragio (qui) e poi anche (qui) e (qui).

Annunci

2 commenti su “Schettino. La verità viene a galla

  1. Frank77 ha detto:

    Che la pratica dell’inchino fosse diffusa e che c’erano responsabilità anche di Costa Crociere lo si era visto subito.
    Ciò non toglie che il comportamento di Schettino sia stato inqualificabile,proprio per l’idea di darsela a gambe.

  2. Anonimo ha detto:

    Frank77, “Che la pratica dell’inchino fosse diffusa e che c’erano responsabilità anche di Costa Crociere lo si era visto subito.”

    A livello “formale” è vero, nel senso che se la cosa non è stata occultata come sarebbe potuto succedere, chessò, in un regime totalitario. Ma quando tutti i cannoni sparano all’unisono sempre e soltanto contro un nemico, chissà come mai gli altri passano in secondo, terzo, quarto, centesimo piano.

    “Ciò non toglie che il comportamento di Schettino sia stato inqualificabile,proprio per l’idea di darsela a gambe.”

    Certo, ma non c’è assolutamente bisogno di farne l’esempio dell'”italietta vile e disonorata”, solo per sentirsi degli eroi pieni di coraggio e di onore. Questo insano bisogno nasce solo se non si è fatto i conti con se stessi, con la propria storia e, più in generale, con le debolezze umane.

    vincenzillo sloggato

Per 6 mesi questo blog assume la presidenza dell'Ue. Sono ammessi solo commenti sinceramente europeisti

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...