Schettino. La verità viene a galla

Per la serie: la verità viene sempre fuori. Anzi, direi “a galla”. Le registrazioni nautiche dell’assicuratore Lloyd’s dimostrano inequivocabilmente che anche altre navi della Costa Crociere, prima della Costa Concordia di Schettino, erano passate vicinissime al punto dell’impatto fatale, per fare il famoso “inchino”. La distanza esatta è 230 metri (qui). Per avere un termine di paragone, considerate che la lunghezza della nave è maggiore: 290 metri. E quindi? Quindi Schettino non era l’unico. C’erano altri comandanti, i dirigenti, la proprietà, e anche persone comuni, che sapevano. “Tutti sapevano”, direbbe lo sciatto cronista del Corriere, di Repubblica o dei Tg nazionali, o il tignoso commentatore alla Beppe Severgnini, se non fosse che tutti costoro hanno cavalcato la tesi opposta: l’unico colpevole è sempre stato Schettino. Scommetto che un investigatore mediocre avrebbe potuto trovare chissà quanti video, foto, selfie, degli altri inchini. Ma nessuno li ha cercati, men che meno i media. Erano tutti troppo impegnati a gridare a squarciagola contro l’unico responsabile. Media evolutissimi e popolo becerissimo in perfetta “concordia”. Invece di seguire la via più difficile, quella ricerca della verità che esige prudenza, equanimità e saldezza di spirito, si sono lasciati andare alla facile isteria collettiva, per lavarsi collettivamente la coscienza. Additare il capro espiatorio, l’unico “cialtrone” e “vile”, e segnare, così, la propria distanza morale da lui. Ebbene, oggi la vera distanza morale che separa i milioni di De Falco – “torni a bordo, cazzo!” – e l’unico Schettino, è stata calcolata con precisione scientifica: 230 metri. Non chissà quanti anni luce, ma solo una manciata di metri. Chi l’avrebbe mai detto? Io. A poche ore dal naufragio (qui) e poi anche (qui) e (qui).

“Dacci oggi il nostro amore quotidiano”

Sabato scorso sull’Osservatore Romano c’era il racconto dell’incontro del Papa con i fidanzati in piazza San Pietro (qui). Bello tutto, in particolare questo passaggio:

In questo cammino è importante, è necessaria la preghiera, sempre. Lui per lei, lei per lui e tutti e due insieme. Chiedete a Gesù di moltiplicare il vostro amore. Nella preghiera del Padre Nostro noi diciamo: “Dacci oggi il nostro pane quotidiano”. Gli sposi possono imparare a pregare anche così: “Signore, dacci oggi il nostro amore quotidiano”, perché l’amore quotidiano degli sposi è il pane, il vero pane dell’anima, quello che li sostiene per andare avanti.

Meno immatricolati? Meglio così

Calano gli iscritti all’università (qui). Naturalmente, per il giornalista collettivo è subito allarme: “bollettino di guerra”, “crisi”, “famiglie in ginocchio” etc. Si arriva perfino a parlare senza ironia del corso di sostegno – di sostegno! – alle famiglie per convincerle a iscrivere il pargolo riottoso! Per me, invece, si tratta di un buon segno. Il segno che stiamo finalmente uscendo dal tunnel di quella droga che è il mito del pezzo di carta. E se per uscirne era necessaria questa maledetta crisi, allora ben venga questa maledetta crisi.

Sempre più università applicano il numero chiuso? Bene: sempre meno bivacchi. Si tenga anche presente che solo uscendo dal tunnel, si potrà invertire una tendenza, questa sì pessima: la diminuzione delle borse per i meno abbienti. Fatto paradossale, se si pensa che le tasse universitarie continuano ad aumentare (un classico italiano: spremere chi ne ha, e si fotta chi non ne ha). Quello che, invece, mi manca, è un confronto vero con i paesi stranieri: quanti sono lì, in relazione alla popolazione, gli immatricolati? Io scommetto di meno. E scommetto che il tasso di abbandono è molto inferiore, proprio perché da noi si iscrivono tutti, così, tanto per.

Poi c’è un’altra considerazione di sano realismo: a che serve, da noi, la laurea? A guadagnare di più? Molto spesso, no. A trovare più facilmente lavoro? Molto spesso, no. In molti casi è un pezzo di carta del tutto inutile, oltre che costoso. Da sfruttare preferibilmente all’estero, perché qui la famosa “innovazione” è ostacolata in tutti i modi, non ultimo il rifiuto ideologico di abbassare le tasse alle imprese e la grande idea di tassare il risparmio. E quindi? Quindi è perfettamente naturale che la gente si faccia due conti e sempre più spesso scelga di non andare all’università. Prima o poi anche l’informazione arriverà a fare ragionamenti del genere, e sarà facile capire quando sarà avvenuto: quel giorno, magicamente, sui media il “pezzo di carta” cesserà di essere un “diritto” e diventerà un volgare mito “reazionario”.

I delusi da Grillo

A sinistra, su Grillo, è tutta una delusione. Dopo i gazzettieri di Corriere e Repubblica, dopo Sel e Rodotà, l’ultimo è Renzi (qui). Io spero che farsi massacrare da Grillo – non ho guardato, ma mi fido del giudizio di Giuliano Ferrara – sia servito ad aprire gli occhi a qualche grillino. Ne dubito, ma si vedrà. Se invece Renzi e gli altri delusi credevano veramente che Grillo avesse qualcosa da dire, come politico, allora sono dei fessi di prima categoria. Bastava vedere lo spirito di fondo che lo ha sempre animato: “Vaffanculo”. La sua idea della politica: “Giovane è bello”. La sua idea di come cambiare le istituzioni italiane: “Reset”. E che dire dell’illustre precedente: #HaipresenteBersani? Chissà se questa volta l’hanno capita.

UPDATE 19/2/14: non ho fatto in tempo a scriverlo, ed ecco che è già arrivata la conferma: tra i delusi da Grillo c’è anche qualche grillino! (Qui):

I DELUSI DA GRILLO CHE «HA FATTO DI TESTA SUA» – Ma non tutti, specialmente nelle pieghe del blog, sembrano essere soddisfatti di quello che hanno visto: in molti rimproverano a Grillo di «esserci andato solo per far contenti quelli che avevano votato sì al sondaggio» ma di non aver né realmente ascoltato quello che Renzi aveva da dire, né aver fatto parlare i due capigruppo del MoVimento, Maurizio Santangelo e Federico D’Incà, presenti all’incontro insieme a Luigi Di Maio. Insomma, in molti sono delusi da come sono andate le cose e qualcuno suggerisce ai parlamentari addirittura di chiedere l’espulsione di Beppe Grillo dal MoVimento, reo di non aver compiuto il volere della base

Mi vengono due domande. Prima: ma Grillo sarà deluso dai delusi? Seconda: i delusi dalla politica cercarono salvezza in Grillo; e i delusi da Grillo, dove cercheranno salvezza?

UPDATE 21/2/14: pubblicato sul Foglio online alla data 20/2/14, in versione abbreviata e rimaneggiata (qui).