Ops, da dove spuntano i Forconi?

Sono altrettanto confusi degli Indignati e degli Occupy – remember? Protestano per tutto e per il contrario di tutto. Guidano trattori e Jaguar. La loro logica è: siccome io non ho un lavoro, nemmeno tu devi lavorare. Complimenti. L’opposizione li coccola e li vorrebbe cavalcare, come fa sempre l’opposizione, con la piazza. Fin qui, tutto abbastanza nella norma. Invece, la vera differenza, rispetto alle piazze di questi anni, è la reazione inconsulta della sinistra, da Letta a Vendola. I Forconi non le piacciono proprio. Per questo, hanno subito gridato alle infiltrazioni di destra. Solito alibi. Ma se si vuole capire davvero chi siano e da dove arrivino i Forconi, bisogna rispondere a queste domande: 1) chi li ha educati a schifare la politica? 2) Chi li ha educati a schifare la mediazione tra gli interessi, mediazione che la politica incarna? 3) Chi li ha educati alla protesta per la protesta, a pensare che basti spaccare tutto? 4) O a pensare che sia lo stato a dover risolvere tutto? Insomma: 5) chi gli ha messo in bocca i concetti di “casta” e di “assistenzialismo”? Siamo proprio sicuri che sia stata solo l’estrema destra?

Vedi anche zamax (qui).

15 commenti su “Ops, da dove spuntano i Forconi?

  1. peppone ha detto:

    Nel sud dell’Italia la rivolta è SEMPRE stata di origine mafiosa e fascista, non raccontiamo balle e studiamo la storia.
    Zamax è il tipico ipocrita berlusconiano che se la violenza è di sinistra fa grandi teoremi filosofici, quando i violenti fanno parte dell’elettorato fascista sdoganato dal SIlvio si arrampica sui vetri.
    I forcono sono per gran parte autotrasportatori e egricoltori, cioè le due corporazioni che hanno goduto di enormi aiuti statali, altro che disprezzo dell’assistenzailsmo, solo solo imbecilli che battono cassa abituati alla politica peronista del SIlvio che gli ha concesso miliardi di euro di aiuti, adesso il soldi sono finiti e spaccano tutto.
    I cretini che si lamentano dell’Europa e non sanno che più di metà del costo in tasse che paghiamo alla comunità europea sono soldi che vanno a finire nelle tasche deglio agricoltori, sono gli stessi cretini che dimostrano estrema benevolenza nei confronti dei camionisti che dopo aver incassato 5 miliardi negli ultimi 10 anni impediscono alle persone oneste di lavorare.
    Ridicolo, quando scoprite che il marcio del populismo ha dato i suoi frutti avvelenati anche nel “popolo berlusconiano” piuttosto che avere l’onestà intellettuale di ammetterlo ne date la colpa il vostro nemico di sempre.

  2. Lugh ha detto:

    “Nel sud dell’Italia la rivolta è SEMPRE stata di origine mafiosa e fascista, non raccontiamo balle e studiamo la storia.”

    Ehhh, infatti ogni volta che ci sono manifestazioni violente è pieno di bandiere con la svastica e gente con coppola e lupara. Ma che cazzo stai dicendo, che fino alla settimana scorsa VOI di sinistra avete sempre giustificato e difeso black block e no tav, adesso che i casinari non espongono le vostre bandiere e non sono sotto la vostra ala sono diventati tutti fascisti. Fascista, la parolina magica sotto la quale sono rappresentati chi non voti il vostro partito. Come me la rido quando i sinistrorsi piddini e gli altrettanto sinistrorsi grillini si gridano in faccia “fazzisdifazzisdi!!!11!!!1!”.

    “Zamax è il tipico ipocrita berlusconiano che se la violenza è di sinistra fa grandi teoremi filosofici, quando i violenti fanno parte dell’elettorato fascista sdoganato dal SIlvio si arrampica sui vetri.”

    Già, chissà chi mi ricorda! Ah, poi non dimentichiamoci le violenze dei cortei berlusconiani che mettono a ferro e fuoco le città, non scordiamoceli tutti quei vecchi che lanciano molotov al grido di “lo faccio per Silvio” e non scordiamoci tutti quei fighettini col maglione al collo che prendono a sprangate le vetrine. E visto che ricordiamo che l’elettorato di Berlusconi è composto da fascisti aggiungiamo anche che quello del PD è composto da Godzilla, Sauron e gli gnomi delle mutande.

    “I forcono [sic] sono per gran parte autotrasportatori e egricoltori [sic], cioè le due corporazioni che hanno goduto di enormi aiuti statali”

    E infatti qualche anno fa un programma di Rai Due prendeva le difese di questi lagnosi zappaterra che suonano il banjo mentre si sbattono la cugina e di questi camionisti col calendario zozzo dietro. Si chiamava Annozero ed era condotto da quel fascio-berlusconiano di Santoro, e non sono ironico più di tanto a definirlo così visto che voi stessi lo avete bollato come traditore dopo la puntata con Abberluscone.

    “negli ultimi 10 anni impediscono alle persone oneste di lavorare.”

    Ah scusa, pensavo parlassi dei cortei dei sindacati e delle skuole okkupate, ma quelli sono almeno sessant’anni che rompono.

  3. Lugh ha detto:

    “E infatti qualche anno fa un programma di Rai Due prendeva le difese di questi lagnosi zappaterra che suonano il banjo mentre si sbattono la cugina e di questi camionisti col calendario zozzo dietro. Si chiamava Annozero ed era condotto da quel fascio-berlusconiano di Santoro, e non sono ironico più di tanto a definirlo così visto che voi stessi lo avete bollato come traditore dopo la puntata con Abberluscone.”

    E lo ha fatto anche ieri sera.

  4. vincenzillo ha detto:

    peppone, “quando i violenti fanno parte dell’elettorato fascista sdoganato dal SIlvio si arrampica sui vetri.”

    Qui si tocca un punto decisivo, per capire le cose. Berlusconi è sempre stato, come Renzi e pochissimi altri, libero da ogni ideologia. Questo è un fatto innegabile, e basta questa semplice verità, per capire la verità storica. E la verità storica è che Berlusconi è riuscito nell’impresa titanica di legittimare la destra in Italia. Questo è un atto politico fondamentale, la cui importanza la si può vedere non solo direttamente, nei numeri elettorali, ma anche “specchiata”, nello sforzo immane attuato da tutto il blocco della sinistra, politica e mediatica, in questi interminabili 20 anni: falsificare tutto e blaterare di un’inesistente “fascistizzazione di Berlusconi”. Oggi i sinistri vanno a nozze: non gli sembra vero di poter mettere nello stesso calderone i fasci, Silvio e anche l’utile idiota Grillo, che ora non gli serve più. Ma la gente non è scema, e anche i più ottusi tra il popolo capiranno la verità molto prima di Ezio Mauro e di Marco Travaglio.

  5. Frank77 ha detto:

    Rispondo brevemente ai tuoi punti:
    1)I politici
    2)I politici
    3)I politici
    4)I politici
    5)i politici

  6. vincenzillo ha detto:

    lugh, ““E infatti qualche anno fa un programma di Rai Due prendeva le difese di questi lagnosi zappaterra che suonano il banjo mentre si sbattono la cugina e di questi camionisti col calendario zozzo dietro. Si chiamava Annozero ed era condotto da quel fascio-berlusconiano di Santoro, e non sono ironico più di tanto a definirlo così visto che voi stessi lo avete bollato come traditore dopo la puntata con Abberluscone.”

    E lo ha fatto anche ieri sera.”

    Sì, ho visto anch’io un pezzo. Certo che Santoro è davvero un po’ sperduto, senza il suo faro Silvio. Dopo il ko di quella sera, in campagna elettorale, ha un’aria così inoffensiva, da pugile suonato, che me lo rende quasi simpatico. Il vero re del ring, ieri sera, è stato il gigante Brunetta, che, con la sua totale assenza di falsi complessi di colpa, ha disinnescato alla grande il vittimismo dei due mestatori-autotrasportatori. Un genio.

  7. vincenzillo ha detto:

    Frank77, “Rispondo brevemente ai tuoi punti:
    1)I politici
    2)I politici
    3)I politici
    4)I politici
    5)i politici”

    Posto che, come ho sempre detto, i politici hanno la loro parte di responsabilità, mi trovo parzialmente d’accordo solo sulla 4, perché è vero che i politici – parecchi anche di dx – hanno un bel grado di responsabilità, nel far pensare che lo stato e la politica siano l’alfa e l’omega di tutto. E sull’assistenzialismo, stessa cosa. Sul resto, invece, la responsabilità più grande, anzi direi più enorme, è dei media e di quei politici che gli sono palesemente simpatici, e che per convenienza (e per cecità) si prestano al loro gioco al massacro.

  8. Lugh ha detto:

    Adesso non so come sia finita con Brunetta, ma anche da quelle parti è bello pieno di bei soggetti! Che comunque trovo meno irritanti dei maestrini di sx, che godono dell’appoggio di una base estremamente più ampia e sbroccata.

    “E la verità storica è che Berlusconi è riuscito nell’impresa titanica di legittimare la destra in Italia.”

    Qui si vede il baratro che ci divide Vincenzillo. Io penso che Berlusca abbia trasformato la destra in una sua corte personale. Libero lui da ogni ideologia forse, ma in qualche modo ne ha creata una basata sul proprio culto della personalità, anche se ci tengo a precisare che il fatto che i fedelissimi silvani siano estremamente meno numerosi e infinitamente più innocui, Berlusconi proprio non riesco a prenderlo sul serio, mi sembrerebbe di prendere sul serio il protagonista di una sit-com. Comunque la prossima volta non voterò neanche il male minore, non voterò proprio un cazzo. Ho praticamente sostenuto nell’arco di pochi anni csx, radicali, quegli esaltati di Sinistra critica (pentitissimo già al momento di ripiegare la scheda!), sinistra arcobaleno per poi cambiare radicalmente con Lega, Pdl e di nuovo saltare il fosso con Grillo (pentito poche settimane dopo). Penso di aver contribuito abbastanza a togliere ogni speranza a un paese nato morto. Potrei darmi all’opposizione a prescindere, che tanto nel paese della polemica come sport nazionale vado sul sicuro, ma rischierei di passare per fascista per la sinistra, che sulla polemica c’ha i diritti d’autore, guarda i Forconi!

  9. peppone ha detto:

    Per quanto riguarda l’evidente impronta fascistoide dei forconi io mi riferivo ad un fatto ben preciso avvenuto ben prima della nascita di Repubblica, in un periodo in cui voi non eravate ancora nati e in cui la composizione del centrosinistra al governo era identica a quella di forza italia, 1/2 democristiani e 1/2 socialisti, e la sinistra era quella di cui TUTTI gli ex comunisti berlusconiani hanno grandissima nostalgia, sostenitrice del primato della politica.
    Nel 1970 andate a leggere quello che era successo a Reggio Calabria con l’appoggio entusiastico del MSI.
    Alla luce dei fatti sostenere che un precedente del genere possa essere stato causato dal successivo PCI berlingueriano è proprio una minchiata degna di Zamarion.

  10. peppone ha detto:

    Insomma a partire dal brigantaggio ottocentesco certi comportamentio fanno parte del dna di una parte dell’Italia, ma il succeso di Grillo ha masso il pepe al culo a molti politici che dovrebbero imparare dalla Tatcher come si affrontano le rivolte, i berlusconiani si sono dimenticati del saggio concetto di maggioranza silenziosa, preferiscono andare dietro alle minoranze rompicoglioni.

  11. Lugh ha detto:

    “I berlusconiani si sono dimenticati del saggio concetto di maggioranza silenziosa, preferiscono andare dietro alle minoranze rompicoglioni”

    Vero, ma Berlusconi non avrà mai il magnetismo di un Grillo. Sul fatto della maggioranza silenziosa invece sono in completo disaccordo. È ora che la maggioranza silenziosa cominci ad essere più rumorosa per non finire sempre sotto la minacccia delle minoranze di rompicoglioni.

  12. vincenzillo ha detto:

    lugh, “Ho praticamente sostenuto nell’arco di pochi anni csx, radicali, quegli esaltati di Sinistra critica (pentitissimo già al momento di ripiegare la scheda!), sinistra arcobaleno per poi cambiare radicalmente con Lega, Pdl e di nuovo saltare il fosso con Grillo (pentito poche settimane dopo).”

    Eh, anch’io ho girovagato parecchio, politicamente, diciamo fino alla fine degli anni 90. Ma in fondo, il voto mica è un matrimonio, no? Ora, finalmente ho trovato il mio baricentro politico, com’è noto, in Dudù.

    “Sul fatto della maggioranza silenziosa invece sono in completo disaccordo. È ora che la maggioranza silenziosa cominci ad essere più rumorosa per non finire sempre sotto la minacccia delle minoranze di rompicoglioni.”

    E io sono in disaccordo col tuo disaccordo. Come sfogo, la strada va bene, purché non si rompa l’anima agli altri. Ma le energie migliori, dentro e fuori la politica, per me andrebbero comunque dedicate a fare il proprio interesse e ad alimentare la fiducia negli altri. Ti sembrano cose contraddittorie? In realtà, non lo sono. Anzi, si tengono bene insieme, e tengono insieme la società.

  13. vincenzillo ha detto:

    peppone, “Nel 1970 andate a leggere quello che era successo a Reggio Calabria con l’appoggio entusiastico del MSI.”

    “Alla luce dei fatti sostenere che un precedente del genere possa essere stato causato dal successivo PCI berlingueriano è proprio una minchiata degna di Zamarion.”

    Msi e Pci non ci sono più. Entrambi, però, furono i maggiori sponsor politici di quel “ribellismo”, che ancora oggi ci ammorba. Tutti in strada, vogliamo tutto e subito! Questo ricatto delle piazze ha impronta fascista, e non a caso è stato il fulcro sia della politica dell’Msi, sia della politica del Pci “di lotta”, che affiancava il Pci “di governo”. Della Dc no. Della sua legittima erede, Fi, nemmeno. Silvio, essendo all’opposizione, ha sì provato un abboccamento, ma si è subito sfilato. Forse si può dire che oggi i residuati del fascismo missino, al sud, hanno come compagni di merende i residuati del brigantaggio. Forze “extraparlamentari”, come si sarebbe detto negli anni 70. Forse, la sinistra di governo non ha gradito l’usurpazione del suo regno, la piazza appunto? Ma a me, sui forconi, sembra che abbia dominato solo una grande confusione.

  14. peppone ha detto:

    Piccolo particolare che hai trascurato, da dove vengno i forconi ? Il fondatore e unico leader del movimento dei forconi in SIcilia arriva da Forza Italia per cui è stato candidato sindaco ufficiale ad Avola.

  15. vincenzillo ha detto:

    peppone, “Il fondatore e unico leader del movimento dei forconi in SIcilia arriva da Forza Italia per cui è stato candidato sindaco ufficiale ad Avola.”

    Ha già risposto per me il ruspantissimo ed efficacissimo Brunetta, che da Santoro ha ripetuto circa 10.000 volte la seguente frase in faccia a quel tizio: “Lei alle elezioni è stato trombato”. Quindi, chi può parlare a nome di Forza Italia e dei suoi elettori è il gigante Brunetta, non quell’altro.

Per 6 mesi questo blog assume la presidenza dell'Ue. Sono ammessi solo commenti sinceramente europeisti

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...