Contrordine, compagni: ora “socialista” va bene

Ce l’hanno detto e ripetuto in tutte le salse, per 30 o 40 anni, gli Scalfari, i Travagli, i Santori, i Serra, i Crozza, tutti in un coro unanime e assordante: socialista = ladro!!! Con bava alla bocca e monetine. Con questo ricatto morale hanno paralizzato il naturale sviluppo della politica italiana dopo il 1989, tenendo in ostaggio la sinistra, eliminando di fatto l’opzione socialista, forzandola a diventare giacobina come loro (e così paralizzando anche la destra, come dicevo poco fa (qui)). Ma ora, ecco il dietrofront. Michele Serra dice che “socialista” non è uguale a “ladro”. Così, di punto in bianco, come se fosse nato stamattina. Mai stati anti-socialisti, loro! Per fortuna, si è beccato le mazzate da zamax (qui), Vitiello (qui) e Marcenaro (qui).

Annunci

6 commenti su “Contrordine, compagni: ora “socialista” va bene

  1. peppone ha detto:

    Per fortuna sono abbastanza vecchio da ricordare che le prime campagne di stampa basate sull’ equivalenza SOCIALISTA = LADRO sono state fatte un po di anni prima della nascita del quotidiano La Repubblica da un giornale che si chiamava “casualmente” il Candido in omaggio all’ autore della frase controordine compagni.
    Era famosa la definizione della dirigenza del PSI degli anni 60-70 fatta da Pisanò “SI SCRIVE LEADER SI DICE LADER”.
    Come nel 1992 i più feroci e squallidi sciacali della campagna su Tangentopoli sono stati Feltri e Belpietro, con la loro prima pagina occupata integralmente da una foto di Enzo Carra in manette così nei primi anni 70 i padri dell’antipolitica sono stati TUTTI di destra.
    Ma si sa tra smemorati veri e finti tonti come Zamax a destra si usa fare le verginelle.

  2. leftheleft ha detto:

    Un po’ come quando insultavano i craxiani ma poi strisciavano da Bettino a chiedere che intercedesse per farli entrare nell’internazionale socialista, per poi chiederne la testa in piazza quando scoppio mani pulite.
    Bella gente.

  3. vincenzillo ha detto:

    peppone, “le prime campagne di stampa basate sull’ equivalenza SOCIALISTA = LADRO sono state fatte un po di anni prima della nascita del quotidiano La Repubblica”

    Beh, che c’entra, anche Giolitti, ai suoi tempi, fu oggetto di campagne diffamatorie. A me non interessa la primogenitura, ma la SOSTITUZIONE della politica con l’aggressione mediatica-giudiziaria. Dal 1994, a destra si è cominciato a unire e a costruire (malgrado evidenti difetti interni ed esterni) mentre a sinistra si è SOSTITUITO il socialismo con il giacobinismo. Che ora facciano finta di niente è tipico del loro stile, ben espresso da Vitiello che cita lo stesso Michele Serra: faccia come il culo.

  4. vincenzillo ha detto:

    leftheleft, “Un po’ come quando insultavano i craxiani ma poi strisciavano da Bettino a chiedere che intercedesse per farli entrare nell’internazionale socialista, per poi chiederne la testa in piazza quando scoppio mani pulite.
    Bella gente.”

    Sai, se avessero fatto ammenda, in una delle tante occasioni che hanno avuto, a me sarebbe anche andato bene. Invece, quello che mi fa girare le palle è che non lo vogliono fare nemmeno oggi. In un certo senso, Renzi poteva essere una speranza, ma invece di guardare nel cortile di casa sua ha preferito fare il piccolo Blair, come Veltroni preferì fare il piccolo Kennedy. Bah.

  5. Lugh ha detto:

    Il mio commento arriva in ritardo. Tu dici che i kompagni hanno neutralizzato i socialisti perché non abbastanza estremisti, impedendo la formazione di un partito social-democratico in Italia. Per quanto lo detesti in questo caso devo dire che il PD (quasi diretto discendente del PCI) è invece meno peggio di certi partiti socialisti europei, spagnolo e francese in primis, che non hanno nulla da invidiare per spirito totalitario e repressivo al vecchio PCUS. A questo punto è quasi meglio il vuoto e retorico Veltroni agli esagitati massoni Zapatero e Hollande.

  6. vincenzillo ha detto:

    Lugh, “Il mio commento arriva in ritardo.”

    Meglio tardi che mai.

    “Tu dici che i kompagni hanno neutralizzato i socialisti perché non abbastanza estremisti”

    Dici “estremisti”, e in parte mi ci ritrovo, ma è necessario specificare che io non mi riferisco tanto alle singole posizioni politiche, quanto alla loro posizione di fondo “giacobina”. E’ una specifica importante, altrimenti è chiaro che dovrei apprezzare di più il “cattocomunismo”, rispetto al fanatismo dei laicisti da te ricordati. Invece, il giacobinismo del Pd è esiziale perché inficia alle fondamenta il gioco democratico (che deve avere alla base il reciproco riconoscimento fra le parti, una conservatrice-liberale e l’altra socialdemocratica-progressista). Ci tiene tutti ostaggio della dialettica fascisti/antifascisti, che non è politica, ma da guerra civile. O onesti/disonesti, che non è politica, ma questurina e puritana. Chi non riconosce legittimità morale all’avversario politico falsa il gioco e così facendo produce un danno enorme, perché il potere non ammette vuoti, e quindi, nel frattempo, il potere è libero di agire al di là degli esiti delle votazioni. Prima del 1989, in Italia questo stato di cose anomalo era causato dalla situazione internazionale. Dopo il 1989, invece, da chi trasforma il parlamento e il dibattito pubblico in una perpetua gogna “antifascista”, “antiberlusconiana” (“anticasta” etc).

Per 6 mesi questo blog assume la presidenza dell'Ue. Sono ammessi solo commenti sinceramente europeisti

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...