Il vero significato della campagna anti-casta

Ne ho già scritto molte volte, ma oggi ci ritorno, perché sul Foglio è uscita questa illuminante ricostruzione (qui). Per me, la campagna stampa contro la politica intesa come “casta” è una delle più grandi prese per i fondelli mai viste. Ipocrita, inutile, pericolosa, illusoria e ridicola.

Ipocrita. Perché rivolta esclusivamente contro uno dei tanti luoghi del privilegio, che in Italia, intanto, proseguivano indisturbati e anzi rafforzati. Inoltre, perché quella campagna nascondeva i vizi di chi l’ha promossa urbi et orbi: quel gran pezzo di industria e di “borghesia illuminata” che possiede il Corriere. Ma il problema ovviamente va oltre. Dice il Foglio:

Quel che forse è più interessante raccontare è che quella campagna, nata pure con tutte le sue buone ragioni che non si perderà tempo qui a elencare, già covava qualcosa in sé di meno nobile, e un problemino teorico meno maneggevole: il ribellismo delle classi dirigenti. Che in Italia assume per solito la forma di “un andirivieni perenne tra punte di fortissima denuncia antipolitica e clientelismo purissimo con i nuovi assetti di potere che si vengono a creare” (sottolineature di vincenzillo)

Inutile. Perché, ben lungi dall’eliminare i peggiori vizi dei politici italiani, non ha fatto altro che alimentarli. E lo si vede da due cose: primo, a fronte di qualche ridicola scaramuccia sugli scontrini, i vizi della politica non sono affatto scomparsi.

Pericolosa. Perché pur con i suoi toni pacati da salotto buono ha contribuito ad aizzare gli istinti peggiori, violenti, rancorosi, intolleranti, ignoranti, illiberali e, per colmo d’ironia, populisti. Alcuni dei quali confluiti poi nel fenomenale voto a Grillo. In questo, il Corriere ha agito in comunanza di intenti con il rivale commerciale, la Repubblica, e poi Stampa, Fatto, Giornale, Libero etc. Altro pericolo è la sponda che è stata offerta ai magistrati militanti, la cui caccia a Berlusconi è solo il culmine di una più profonda guerra contro la politica nel suo insieme. Insomma, puro veleno iniettato nelle vene della nazione e delle istituzioni.

Illusoria. Perché tutta quell’enfasi, quel moralismo, quello spasimo etico, si è disperso malinconicamente nel più colossale flop politico del millennio: Scelta Civica e Udc. Da anti-casta a pro-Monti (salvo poi mollarlo sul più bello, perché il Monti anti-concertazione non è mai piaciuto ai nostri imprenditori coraggiosi). Ma ve lo ricordate l’entusiasmo suscitato da Monti, Riccardi e Montezemolo, gli alfieri della virtus morale e imprenditoriale? Io sì, e mi piace ancora riderci sopra.

Ridicola. Per tutti i precedenti motivi, a cui va aggiunto il coraggio e l’indipendenza di giudizio dei mille e mille epigoni di Stella e Rizzo, e di tutta la massa di giornalisti, presentatori, intellettuali e opinionisti che, con l’ospitata o con il semplice uso dell’orribile parola “casta”, hanno contribuito a diffonderla.

Chiudo. L’articolo non lo ricorda, ma all’improvviso, così com’era cominciata, la campagna finì. Di botto. Il Corriere smise di pronunciare quella parola, perché si rese conto che stava facendo danni (vedi alla voce “pericolosa”). E così, ciò che sembrava essere diventato il destino glorioso degli italiani veri, purificare l’Italia dalla classe politica, da un giorno all’altro non fu che “ombra di un’ombra” (La vita è sogno?). Orwelliano, ma vero.