Il bello e il brutto

Ieri sera il mio ex professore di filosofia Stefano Zecchi ha parlato della sua idea di bellezza a un incontro pubblico (qui). Tra le cose dette, una in particolare mi ha colpito. Al suo figlioletto che gli chiedeva che mestiere facesse, lui ha risposto così: “Dico che cosa è bello e che cosa è brutto.” Il figlio, meravigliato, ha chiesto: “Ma allora tu sai tutto quello che è bello e tutto quello che è brutto?” E lui, per non tradire le aspettative create, ha dovuto rispondere di sì. Il figlio ne è stato immensamente rassicurato. Anche a me rassicura, che ci sia qualcuno che sappia cosa è bello e cosa è brutto, e che non si fermi alla sciocca affermazione “Non è bello ciò che è bello, è bello ciò che piace.” Lo trovo anche coraggioso, in un’epoca sostanzialmente indifferente al bello, se non, appunto, nella sua forma più piatta, anestetizzata, puramente soggettiva. La bellezza, invece, come portatrice di significato, di conoscenza, di valore. E il suo contrario, il brutto, come assenza di significato, negazione del valore della vita. E’ anche per questo che, ai tempi, ho voluto laurearmi con lui.

Annunci

Per 6 mesi questo blog assume la presidenza dell'Ue. Sono ammessi solo commenti sinceramente europeisti

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...