Il grande sogno italiano

Solo un uomo meschino come me poteva pensare che avessero investito tanto tempo, soldi, fatica, vent’anni di odio per Berlusconi, vent’anni di società civile, 4 anni di furibonda campagna contro la casta, 10.000 appelli degli intellettuali di sinistra, le medicine per l’ulcera di Paolo Flores d’Arcais, le pomate per i baffi di Sandro Ruotolo, 15.000 amache di Michele Serra, 50.000 puntate di Fazio&Littizzetto&Dandini&SabinaGuzzanti&Santoro, i film d’autore, le merende con i banchieri etici del Corriere, le lenzuolate di Scalfari, l’antifascismo cronico di Repubblica, le passeggiate con i terroristi di Hamas, la rivoluzione di internet, la rivoluzione eco-clima-solidale, le domeniche in Val di Susa, le domeniche a spasso, gli spioni nelle procure, gli spioni al Vaticano, lo streaming, il fu popolo viola, le lacrime di Occhetto, le quote rosa, se-non-ora-quando, le piazze giacobine, i giaguari indelebili, insomma, che avessero investito tutto questo per niente, e non per il grande sogno italiano: Romano Prodi al Quirinale.