Il golem

La settimana scorsa ho letto un libro comprato a Praga, illustrato da un disegnatore bravissimo (qui). La storia è quella del golem, gigante creato da un rabbino nel XVI secolo, usando gli avanzi di creta di una vecchia fabbrica. Fortissimo, stupidissimo e fedelissimo al suo creatore, aveva come scopo quello di difendere il quartiere ebraico dalle violenze dei cristiani, fomentate soprattutto dalle feroci accuse di un certo prete Taddeus. Tipo rapire i bambini cristiani e usare il loro sangue per la Pasqua ebraica. Leggero e profondo come solo le fiabe.

I 10 saggi (chi me li disegna??) / 5

Striscia 5. Montecitorio. I 10 saggi stanno giocando a carte, in piccoli gruppi. “Scopa!” “Cambio due carte!” “All in!”. All’improvviso si apre la porta. Tutti nascondono immediatamente le carte e le fiches sotto i banchi, e assumono un’aria di importanza. Entra Giorgio Napolitano. I saggi, delusi: “Ah, sei tu?” Napolitano risponde: “Certamente, miei illustri colleghi, chi credevate?” E i saggi: “La stampa!” E tutti riprendono tranquillamente a giocare.

(5. Continua… forse)

(Prima (qui) seconda (qui) terza (qui) quarta (qui))