Bersani. Come regalare una vittoria

Si tramanda che nella Grecia antica, quando erano gli dèi a fare da giudici, chi vinceva vinceva, e chi perdeva perdeva. Per esempio, quando Paride vinse la famosa gara, lui si tenne la mela d’oro, e tutti gli altri ciccia. Poi, nella penisola dove un tempo era allocata l’ex Magna Grecia, venne l’era della democrazia. E con la democrazia nacque la prassi di negare la sconfitta in guerra, e poi di spacciare tutte le sconfitte elettorali per “vittorie morali”, nella metà della penisola dove era allocata l’ex Unione Sovietica. Poi arrivò l’era delle elezioni 2013, dove il vincitore Bersani apparve fin da subito come il vero e unico sconfitto. E così si credette di avere raggiunto il massimo possibile del rovesciamento. Invece, poi, arrivò l’era del post-elezioni 2013, dove il vincitore Bersani non si accontentò più di essere il vero sconfitto, ma finì per trovarsi molto vicino a regalare involontariamente, ma realmente, la vittoria all’avversario. Lo dice questo bel sondaggio, che se si andasse a votare oggi… (qui).

Annunci

Per 6 mesi questo blog assume la presidenza dell'Ue. Sono ammessi solo commenti sinceramente europeisti

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...