Comunque vada…

…l’analisi giusta è questa (qui). Spiega bene ciò che spacca ancora l’Italia in due, con quella che chiamerei una “perenne linea gotica”, spiega bene le sue cause storiche e, soprattutto, qual è l’unica, vera soluzione:

La sopramenzionata normalizzazione della vita politica italiana è la prima delle riforme e il presupposto di tutte le riforme. E’ la vera riforma morale, perché si fonda sulla verità, spegne gli odi, rafforza il sentimento morale della nazione, e perciò anche il senso civico.

E sottolineo la parola “verità”.

PS. Sì, lo so, quel post contiene anche un link a un mio post, e quindi non dovrei a mia volta linkarlo. Ma si sa, per noi “irriducibili” il conflitto di interessi è endemico e incurabile.

Annunci

3 commenti su “Comunque vada…

  1. Frank77 ha detto:

    Mi sembra l’analisi di un tifoso che è rimasto fermo al ’94,fra altro non capisco di come la normalizzazione possa arrivare finchè ci sarà in campo Berlusconi.

  2. vincenzillo ha detto:

    frank77, “non capisco di come la normalizzazione possa arrivare finchè ci sarà in campo Berlusconi.”

    Per capirlo, basta levarsi dalla testa la grande balla che l'”anomalia” sia Berlusconi. La vera anomalia, in politica, è quella che viene giustamente segnalata nel post: sostituire la politica stessa con la morale.

  3. peppone ha detto:

    A me sembra sempre il solito penoso piagnisteo.
    NIente ha impedito a Berlusconi di governare decentemente, di badare agli interessi dell’Italia invece che a quelli di corporazioni e lobby di privilegiati, se non l’ha fatto è perchè non ne aveva nessuna intenzione e le prediche sulle colpe di una sinistra che ha impedito alla destra di fare politica sono pura ipocrisia.
    La vera anomalia italiana non è certo Berlusconi, ma quell’ aspetto di una grossa fetta di italiani su cui sia la sinistra che Berlusconi hanno sempre basato una gran parte del proprio consenso, l’idea imbecille che esistano soluzioni facili, che i problemi se trascurati si risolvono da soli, che il lavoro, l’impegno e simli facezie siano inutili fatiche che i “furbi” sanno evitare.
    Insomma tempo fa parlavo dell’irrilevanza delle vittoria della sinistra o della destra di fronte a ciò che non si potrà evitare di fare, ma se per caso Berlusconi dovesse trovarsi, come non è impossibile con una risicatissima maggioranza, e con la certezza di averla raggiunta con il consenso reale di un quarto dell’elettorato, penso che impazzirebbe, un programma elettorale ridicolo e irrealizzabile scritto con la certezza di trovarsii all’opposizione diventerebbe un peso notevole.
    AUGURI !

Per 6 mesi questo blog assume la presidenza dell'Ue. Sono ammessi solo commenti sinceramente europeisti

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...