Sinistra ed establishment, l’amore continua

Appurato che Monti, pur rimanendo il pupillo della finanza europea, non è più nel cuore della finanza e dell’imprenditoria associata nostrana, ci si può chiedere il perché. Non sarà mica che Monti insidia il legame ormai consolidato tra la sinistra e quello che si può definire “establishment”? Cioè, quel bel mondo formato da confindustria e da bei pezzi di finanza, con relativi giornaloni a libro paga. Che questo legame sia contronatura, lo sottolinea praticamente il solo zamax (qui). Bersani, intanto, lo sta rinforzando. Come? Candidando nel Pd un ex presidente di Confindustria e attirando nella propria rete, tramite Renzi, anche il banchiere Passera. Ora, i soldi servono a tutti, perfino alla nostra sinistra, formata solo da fraticelli questuanti e da ricconi che adorano pagare le tasse, patrimoniale inclusa. E il finanziere di sinistra, alla Strauss-Kahn, esiste anche nella vicina Francia (oltre che nella lontana America). Ma il presidente di Confindustria, dai. Nel partito della CGIL, dai. Praticamente, la concertazione, invece di essere limitata, in futuro verrà praticata direttamente nelle riunioni di partito. Bah.

Annunci

Per 6 mesi questo blog assume la presidenza dell'Ue. Sono ammessi solo commenti sinceramente europeisti

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...