Verità e vergogna

Ha cominciato il serafico De Bortoli, domenica, col tono delle grandi occasioni: “E’ venuto il momento di un grande discorso di verità.” Ieri l’ha detto anche Gad Lerner: “Discorso di verità.” Da ciò si capisce che il gregge democratico ha trovato una nuova parola d’ordine. Bella, eh, ma non poteva trovarla un giorno prima? Ma il meglio arriva mentre lo ascolti, questo sublime “discorso di verità”: il problema vero è che l’euro è sotto attacco, in Europa manca un prestatore di ultima istanza. Spaventosamente identico a ciò che da settimane un solo giornalista mette al centro del suo discorso: Giuliano Ferrara. Eppure, fino a sabato, la parola d’ordine del gregge democratico su Berlusconi e su noi berlusconiani era ben diversa: “vergogna”. Ora sappiamo che cosa sia, per loro, la vera vergogna: dire la verità.

Annunci

26 commenti su “Verità e vergogna

  1. anonimo ha detto:

    ..non spostare l'attenzione dai, secondo me la perla di ieri sera di Gad e' stata dire al leghista di turno che il 92% del popolo italiano ha tutto il diritto di considerare il parlamento padano alla stregua di un gazebo 😉

    Zorro

  2. vincenzillo ha detto:

    zorro, "..non spostare l'attenzione dai, secondo me la perla di ieri sera di Gad e' stata dire al leghista di turno che il 92% del popolo italiano ha tutto il diritto di considerare il parlamento padano alla stregua di un gazebo ;)"

    Ma cosa credi, che sono così matto da averlo visto tutto? Se ieri, malgrado la nauseante puzza di immondizia intellettuale emanata da Gad Lerner, ho resistito più di 15 minuti, è stato solo per ascoltare ciò che si salvava, e cioè il parere economico di Michele Salvati (Pd), che ho riportato nel post. Poi ho chiuso il cassonetto e ho purificato l'aria di casa.

  3. anonimo ha detto:

    Lussurioso, cedi alla tentazione del postribolo, dai una sbirciatina e poi cambi canale?
    Un po' quando da piccolo quando non mi vedevano i miei giravo su antenna3 per vedere qualche minuto di "colpo grosso"….ma allora vedi che ti piace?

    Zorro

  4. anonimo ha detto:

    A parte che di questi problemi sono anni che se ne parla,(molto probabilmente Giulianone si è svegliato oggi),ma questo non c'entra nulla con i problemi Italiani dovuti all'incapacità di Berlusconi.

    Frank77

  5. vincenzillo ha detto:

    zorro, "Lussurioso, cedi alla tentazione del postribolo, dai una sbirciatina e poi cambi canale? Un po' quando da piccolo quando non mi vedevano i miei giravo su antenna3 per vedere qualche minuto di "colpo grosso"….ma allora vedi che ti piace?"

    Veramente i "postriboli" sono i posti dove viene spacciata una verità politicamente scorretta, o, nella tua metafora, "moralmente scorretta". Lì sì che c'è della vera lussuria, per me. Gad Lerner, invece, è sempre perfettamente allineato, corretto, correttissimo, e quindi per me è solo noia e fastidio. Piattume e Pattume.

  6. anonimo ha detto:

    Berlusconi in 17 anni non è stato capace di far lincenziare qualche milione di dipendenti pubblici (statali, regionali, provinciali, comunali, mica solo quellio di Roma e della Sicilia).

    Come non è stato capace di farci uscire da quella merda di UE, anche quando era chiaro da trent'anni ai futuri ignorantissimi leghisti che le leggi europee erano fatte per favorire francesi e tedeschi.

    Perchè mentre gli intelligentoni studiavano sui libri che l'Unione Europea sarebbe diventata, in Europa, come quello che sono gli Stati Uniti in Nord-America, e il Sol dell'Avvenire avrebbe trionfato portando gioia e felicità per tutti, i futuri leghisti si sentivano dire che se avessero macellato le proprie mucche l'UE dato loro un milione di lire a capo e dei prestiti agevolati per aprire agriturismi, oppure si sentivano dire che le fattorie arrancavano per le quote latte.

    E i leghisti non sapevano neppure che le grandi acciaierie chiudevano per la produzione massiccia chiudevano per via delle quote dell'acciaio.

    E nessun intelligentone si è mai chiesto perchè in Italia si allevi quasi solo pollame, e ci siano quasi solo PMI.

    Com'è bello sognare gli orsetti del cuore!

    Buon riposo a tutti.

    W.

  7. vincenzillo ha detto:

    frank77, "questo non c'entra nulla con i problemi Italiani dovuti all'incapacità di Berlusconi."

    Vero nel breve, nel lungo no.
    Ma soprattutto, perché nessuno, in rotoli e rotoli di prime pagine dei giornaloni "generalisti", né in centinaia e centinaia di ore di programmi tv, mai nessuno, e dico proprio nessuno tranne Ferrara, ha mai messo al centro dei suoi discorsi sui media questi veri problemi e queste loro vere cause, e invece tutti, e dico proprio tutti tranne Ferrara, facevano convergere tutti i nostri guai sempre e solo su B? Bastava la metà, non dico i combattenti che quelli sono bruciati, ma almeno quella buona metà di finti neutrali: avessero messo da parte le loro pavide reticenze, la loro paura di sputtanarsi.

  8. vincenzillo ha detto:

    W., "Berlusconi in 17 anni non è stato capace di far lincenziare qualche milione di dipendenti pubblici (statali, regionali, provinciali, comunali, mica solo quellio di Roma e della Sicilia)."

    Gli è mancato il coraggio, e ora lo paga. Avrebbe pagato anche il coraggio, se lo avesse avuto, ma almeno avrebbe fatto qualcosa di liberale.

    "Come non è stato capace di farci uscire da quella merda di UE"

    Non so se la soluzione sia uscire dall'UE. Ne dubito.

  9. anonimo ha detto:

    W., "Berlusconi in 17 anni non è stato capace di far lincenziare qualche milione di dipendenti pubblici (statali, regionali, provinciali, comunali, mica solo quellio di Roma e della Sicilia)."

    Dio l'abbia in gloria!

    Gli è mancato il coraggio, e ora lo paga. Avrebbe pagato anche il coraggio, se lo avesse avuto, ma almeno avrebbe fatto qualcosa di liberale.

    Ma perché:

    1) licenziare gli statali è una cosa liberale
    2) liberale è una parola à la page?

    ferro

  10. anonimo ha detto:

    "né in centinaia e centinaia di ore di programmi tv"

    Da Gad lerner ne hanno parlato più volte

    Frank77

  11. leftheleft ha detto:

    La verità è che i simpatici amici per odio politico accolgono plaudenti l'invasore sventolando le bandiere italiane

  12. pierinolapeste ha detto:

    Incredibile, pensavo che se i politici italiani si fossero preoccupati di tenere sotto controllo la spesa pubblica invece di usarla per comperarsi consenso elettorale con i soldi del contribuente il debito pubblico italiano non sarebbe stato visto come un pericolo da parte di chi deve decidre come utilizzare i propri risparmi.
    Il vero problema è quindi che non c'è un Padre buono che decide di ammazzare il vitello grasso per accogliere il figlio che ha speso tutto in donnine allegre…..
    Il fatto è che la BCE NON ha fisicamente la possibilità di sostenere l'intero debito pubblico italiano, anche perchè chiunque abbia una sia pur minima conoscenza della storia italiana degli ultimi 50 anni sa bene che un "PRESTATORE DI ULTIMA ISTANZA" è esattamente  quello che negli anni 70 era la Banca D'Italia, che comperando TUTTI i titoli di stato invenduti alle aste aveva portato l'italia alla Stagflazione, una miscela di inflazione a due cifre e stagnazione economica che ha distrutto la grande industria italiana e messo le basi della mancata crescita attuale.
    Insomma chi dice di avere in tasca la VERITA', come quel buffone di Ferrara di solito è un cretino, se sei pieno di debiti pensare che qualcuno ti possa salvare senza pretendere niente in cambio è ridicolo, in un modo o nell'altro l'Italia pagherà per l'irresponsabilità dei suoi politici, parlare come fanno tanti imbecilli di speculazione, di poteri forti che vogliono sostituirsi a chi è stato scelto dal POPOLO, e poi tirare fuori ricette che si sono dimostrate catastrofiche 40 anni fa è il massimo.
    E che li tirino fuori cretini di sinistra e cretini di destra non le rende meno pericolose.
    Dire che l' EURO  è sotto attacco quando nella cacca al momento c'è praticamente solo l'Italia e i problemi degli altri paesi sono legati al 99% al fatto di possedere carta straccia emessa della repubblica italiana è una grottesca deformazione dei fatti.
    L'idea che se una nazione vive al di sopra delle proprie possibilità come ha fatto l'Italia negli anni migliori della mia vita, chi arriva dopo, come te debba pagarne le conseguenze è difficle da accettare, ma è una logica e inevitabile conseguenza.
    Forse pensi che miracolosamente qualcuno  ( BCE, FMI ) possa pagare i debiti fatti da 50 anni di disennata amministrazione, e la cui pericolosità era evidente 10 anni fa, senza che tu ne debba risentire?
    Vedrai , siamo solo all'inizio, l'unica cosa buona è che i cretini della politica dello struzzo per cui le cose si sistemano da sole senza fare sacrifici sono finiti giustamente nell'irrilevanza assoluta.

  13. leftheleft ha detto:

    Insomma chi dice di avere in tasca la VERITA', come quel buffone di Ferrara di solito è un cretino,

    ——————————————————

    disse quello che ha capito tutto e ci spiega tutto ogni volta

  14. pierinolapeste ha detto:

    C'è un blog in cui Zamax ha tentato di intervenire saltuariamente finchè la sistematica demolizione delle scemenze  ( in campo economico ) che diceva lo ha convinto a rinunciare, si chiama Noise From Amerika, naturalmente nonostante il sig Boldrin nel 2008 avesse consigliato di votare Berlusconi come il meno peggio, Zamax li considera una pericolosa banda di comunisti…
    Fatta questa premessa copio un articoletto che spiega semplicemente alcuni fatti che i buffoni alla Ferrara evitano di considerare pur conoscendoli benissmo, dimostrandosi cosi inutili imbrattacarte …

    Se c'è una cosa che da fastidio ai politici italioti è il cosiddetto "voto dei mercati"  e le ragioni sono piuttosto semplici:

    non si può comprare con la spesa pubblica clientelare;

    non si può disorientare grazie a mass media servi e ignoranti;

    bada ai risultati e ai dati numerici più che alle propaganda;

    quantifica la credibilità degli agenti in base a quanto tengono fede alle proprie affermazioni piutttosto che in base ai dogmi della fede politica.

    Se è pertanto logico che i mestieranti della politica abbiano tutto l'interesse ad avercela con i mercati cattivi e a dirne peste e corna, molto meno sensata è l'attenzione che riceve sui media italiani il "problema" della limitazione alla sovranità popolare operata dalle pressioni provenienti dai mercati finanziari. Dal referendum greco alla lettera di Draghi e Trichet al commissariamento del governo italiano da parte del FMI sembra che i governi (almeno alcuni) non contino più niente e che speculatori incalliti e perfidi banchieri abbiano già conquistato il mondo.

    In questa sede vorrei argomentare brevemente che la questione non ha senso e credo valga la pena parlarne perché, se presa sul serio, può essere pericolosa. Ad esempio trincerarsi dietro lo strapotere delle banche o le richieste delle altre nazioni potrebbe essere l'ultima spiaggia per chi ha esaurito le scuse da accampare: anche quelli che hanno ben chiari i danni fatti da questo governo potrebbero tollerarne la sopravvivenza (magari con modifiche apparenti, ma non sostanziali) per mal riposto amor di patria contro le ingerenze esterne, oppure opporsi alle alternative.

    Può un privato cittadino spendere più di quanto guadagna per sempre? No, perché dopo che i debiti accumulati hanno superato una certa dimensione, non troverà nessuno disposto a fargli ulteriormente credito. Perché? Perché confrontando quanto guadagna col debito che deve rimborsare appare molto difficile che ci riesca e quindi prestargli denaro ha una probabilità elevata di comportare una perdita. Il fatto che poi un tribunale possa disporre la vendita forzata dei suoi beni quando non riuscirà più a far fronte alle proprie obbligazioni costituisce una limitazione alla sua libertà? Certo, ma nessuno ha niente da ridire poiché avviene nell'ambito di un processo strutturato previsto dalla legge vigente e in ultima analisi si tratta di una condizione nota al momento in cui il debito è stato contratto.

    Perché per una nazione dovrebbe essere differente? Non è naturale che i detentori del debito pubblico, che sono tra i principali creditori di una nazione, possano preoccuparsi di rientrare di quanto hanno prestato? Aggiungete che, se è meno frequente che uno stato non onori i propri debiti, la volta che decide di farlo non esiste alcuna possibilità di esecuzione forzosa sui suoi beni. Non è quindi logico che se qualcuno offre aiuto a una nazione in difficoltà nel ripagare il proprio debito ponga delle condizioni?

    Se alcune nazioni hanno un debito così elevato da impensierire i creditori è a causa delle scelte operate dai governi passati e della credibilità di quelli presenti. Sono dunque i politici liberamente eletti  dal popolo la causa della malattia che richiede cure dolorose (Italia) o in casi estremi l'amputazione (Grecia). Inutile prendersela con i medici, e la sovranità popolare non c'entra nulla.

  15. leftheleft ha detto:

    utilizzare il mercato come metro per valutare l'agire umano è folle
    affidare la sorte di popoli e nazioni al giudizio del mercato è criminale

  16. anonimo ha detto:

    Anche affidare il governo a incapaci è criminale

    Frank77

  17. anonimo ha detto:

    utilizzare il mercato come metro per valutare l'agire umano è folle
    affidare la sorte di popoli e nazioni al giudizio del mercato è criminale

    (Vladimir Uljanov detto Nokolaj Lenin)

    ferro

  18. leftheleft ha detto:

    No, Lenin era un internazionalista  pronto a distruggere qualunque cosa in nome di una ideologia, così come i market-merkel-addicted.

    Monti è il curatore fallimentare dell'italia per conto di stati esteri.

    Gli italiani sono come pecore che applaudono il lupo che li macellerà.

     

  19. vincenzillo ha detto:

    frank77, "Anche affidare il governo a incapaci è criminale"

    Ullallà. Anche tu uno sbandieratore?

  20. vincenzillo ha detto:

    leftheleft, "Monti è il curatore fallimentare dell'italia per conto di stati esteri. Gli italiani sono come pecore che applaudono il lupo che li macellerà."

    Ullallà. Anche tu un catastrofista?

  21. anonimo ha detto:

    Vince la gara di idiozia, come al solito, pierinolapeste, in virtù delle sue idiozie "libertarian", anche se stavolta di stretta misura.

    Segue a ruota ferro, l'unica persona che io abbia mai sentito difendere la burocrazia italiana a spada tratta anche a parole. Magari crede anche che i professori che parlano una variante di idioma tipicamente sicula ("Uscite i libri dalla cartella.") abbiano vinto i concorsi pubblici per merito. Può ancora migliorare. Insomma non gli deve essere poi così difficile elogiare gli assistenti di laboratorio.

    La solenne cerimonia di premiazione (medaglie di ghiaccio a forma di testa di asino) si svolgerà alla discarica comunale di Abbiategrasso.

    W.

  22. pierinolapeste ha detto:

    Premesso che ho gia fatto notare come gli insulti gratuiti accompagnati dall'assoluta incapacità di proporre argomenti circostanziati come quelli del sig anonimo W  mi sembrano sintomo di disperazione e quindi privi di peso, quello che trovo incomprensibile in posizioni come quella di leftheleft è : se è scontato che nessuno al mondo sarà disposto a pagare i debiti fatti dalla politica italiana negli ultimi 40 anni senza pretender niente in cambio, il mercato in sè non è un problema, basta uscirne e non vendere più titoli di stato italiani a investitori stranieri e quelli non avranno nessun potere nei tuoi confronti.
    Basta fare come dicono i vari Magdi Allam tornare alla lira stampare soldi a raffica e una bella inflazione azzera il debito pubblico, ESATTAMENTE come succedeva negli anni 70.
    Non sono teorie libertarian, è STORIA.
    Ma negli anni 70 l'italia aveva un industria meccanica , chimica, elettronica a livelli di avanguardia mondiale, dopo sono crollate.
    Perchè i debiti si pagano e chi crede di fare il furbo poi la paga in altro modo.

  23. anonimo ha detto:

    Veramente ho già commentato più sotto e messo l'indirizzo del blog (su cui non lascio passare commenti con merda libertarian, che il liberismo di danni ne sta già facendo abbastanza, senza bisogno di concedergli ulteriore spazio).

    Comunque sì, non ho una grande cultura economica, ma essendo attualmente l'economia una pseudoscienza al pari della psichiatria, mi affido alla mia logica.

    E comunque, dagli anni settanta sono state inserite le quote, coglione, sono state fatte le privatizzazioni (svendite) che hanno fatto a pezzi le industrie dello stato PAGATE COI SOLDI DEI CONTRIBUENTI (sì, è giusto che chi ha di più paghi in proporzione, esattamente come chi ha di meno, perchè di rivolte del pane nella storia ne abbiamo già avute abbastanza).

    Ti dice niente la Olivetti?

    C'è differenza tra uno stato sociale ben gestito e l'anarchia (parziale) fatta ad esclusiva difesa e ad esclusivo uso e consumo dei maggiori detentori del potere economico.

    Inoltre gli USA sono un altro UNIVERSO rispetto all'Italia. Un universo che possiede per motivi storici una quantità di risorse spaventosa, che tramite la politica internazionale mantiene poveri gli stati sotto la sua influenza al solo scopo di avere altre risorse (lavoratori a basso costo).

    Si tratta di una macchina aspira risorse, che porta all'annichilimento del sistema economico mondiale fintantochè ne mantiene il dominio incontrollato.

    Grazie al cielo un dominio incontrollato che durerà ancora per poco, ma che lascierà dietro di sè tanta, troppa povertà.

    Il fatto che TU E TUTTI GLI IDIOTI LIBERTARIAN COME TE non riescano a vedere le conseguenze globali delle azioni finanziarie di wall street non vuol dire che nessuno le veda.

    PErchè ti insulto e non dialogo? Perchè dopo aver letto le tue cazzate sulla sanità pubblica sono CERTO che non ne vale la pena. Pensavo che nessuno potesse essere più idiota dei comunisti fedeli all'URSS, ma dopo aver sentito le tue opinioni ho capito perchè il comunismo, nell'800 è nato.

    A mai più risentirci, e salutami Adam Smith, Ayn Rand e tutti i tuoi bei santoni, insieme agli economisti, che fino al giorno prima del crollo consideravano Lehman Brothers il meglio del meglio.

    Addio

    W.

  24. anonimo ha detto:

    No, Lenin era un internazionalista  pronto a distruggere qualunque cosa in nome di una ideologia, così come i market-merkel-addicted.

    Monti è il curatore fallimentare dell'italia per conto di stati esteri.
    Gli italiani sono come pecore che applaudono il lupo che li macellerà.

    (Non Lenin, Non Merkel, Non Market, Non so bene che cavolo sia….)

    Mi piace soprattutto "in nome di un'ideologia". La storia, i fatti, i moventi di milioni di persone azzerati così in un tratto di penna.
    Come ci si deve sentire leggeri. Che invidia.

    ferro

  25. leftheleft ha detto:

    Come ci si deve sentire leggeri. Che invidia.

    —————————————————————–

    la famosa "invidia del cervello"

  26. leftheleft ha detto:

    Perchè i debiti si pagano e chi crede di fare il furbo poi la paga in altro modo.
    ——————————————————————————————————-

    sì i debiti si pagono però bisognerebbe anche dare la giusta immagine di chi è più indebitato all'interno dell'europa, per capire così che quello che sta avvenendo in italia non ha ragioni prettamente o solo economiche ma prettamente politiche. Ovvero il commissariamento monti non era assolutamente una cosa dovuta o necessaria ed anche il rinvio delle elezioni non era cosa necesssaria perchè l'emergenza lo richiedeva, poichè ci sono paesi messi peggio di noi che alle elezioni vanno.
    Come il magnifico grafico più sotto mostra.

    http://www.bbc.co.uk/news/business-15748696

Per 6 mesi questo blog assume la presidenza dell'Ue. Sono ammessi solo commenti sinceramente europeisti

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...