Mario Merlino, gli squali e la balena bianca

A oggi pare inevitabile che l'Uomo dello Spread alla fine arriverà, e sarà Mario Monti. Il mega-ragioniere ci salverà dagli squali della finanza, ci metterà tutti d'accordo, ci libererà da ogni male. La cosa bella, però, è capire come farà. Perché di Gesù ce n'è stato uno solo, e per tagliare lo spread pare che non basti nemmeno la spada di Re Artù, Excalibur.
E allora ecco che Mario Merlino dovrà per forza abbassarsi al livello di noi mortali, o peggio fino al livello dei politici, e appoggiarsi a una maggioranza parlamentare. Chi ci entra? Chi sta fuori? Lega e Di Pietro fuori. Pdl sta decidendo, ma ovviamente senza di loro non se ne fa niente. Casini ha già detto che sarà il primo sostenitore, ma rifiuterà qualsiasi incarico. Ovvio: è troppo responsabile per prendersi qualsiasi responsabilità. E il Pd? Sia dentro che fuori, come sempre. Perché? Perché le riforme che Monti dovrebbe annunciare, saranno molto probabilmente quelle già annunciate da Berlusconi nella famosa lettera all'Europa, e in parte contenute nel maxi-emendamento da approvare a breve. Ahiahiai, che mal di pancia, per la nostra bella sinistra. Infatti, fino a ieri erano contrari, contrarissimi, gridavano "Macelleria socialeee!". E mò chi glielo dice a Landini e alla Camusso?
Sempre che arrivi, sto Mario Merlino. Ma pare di sì. Sembra, invece, ormai scongiurato almeno il peggio del peggio, e cioè la grande ammucchiata, quella che ha tanti nomi, uno più ipocrita dell'altro: "governo di emergenza" o "larghe intese" o "responsabilità nazionale". Una prospettiva tanto cara alla nuova vecchia Dc, sì, proprio la Dc, la balena bianca, non la vedete lì spiaggiata tra Pisanu e la Bindi, a dare gli ultimi colpi di coda prima di tirare le cuoia (ma davvero, si spera)? Già me lo vedevo, il suo gigantesco ventre molle, dilaniato dagli squali della finanza. Bleah.
Come sapete, il governo tecnico non mi piace per due motivi: primo, perché io il mega-ragioniere Mario Merlino non l'ho votato, e la cosa mi disturba. Secondo, perché se la maggioranza che lo appoggia è bi-partisan, a me povero elettore rimane per sempre il sacrosanto dubbio: ma chi cazzo l'ha deciso, la destra o la sinistra? (Quello che, in generale, io sogno per il futuro della politica italiana è una bella maggioranza parlamentare, liberale o socialdemocratica, che si carichi sulle spalle le sue belle responsabilità di fronte ai suoi elettori.)
Ultimo scenario, un po' fantascientifico. Se il Pd sta fuori, ma entra Casini, Mario Merlino potrebbe fare davvero una grande magia: fare le riforme liberali che Berlusconi non ha potuto fare. Cioè salverebbe l'Italia grazie al programma di quello che è stato fatto passare come il devastatore dell'Italia. E allora sì che, quando si torna al voto, per noi berlusconiani ci sarebbe da ridere.

Annunci

26 commenti su “Mario Merlino, gli squali e la balena bianca

  1. anonimo ha detto:

    "e per tagliare lo spread pare che non basti nemmeno la spada di Re Artù, Excalibur"

    Ecco a tal proposito una ripresa indedita di Berlusconi al G20 che chiede aiuto per le misure da attuare per evitare la crisi:

    Zorro

  2. anonimo ha detto:

    Con le tue logiche a quest'ora al governo ci stavano le brigate rosse. Invece di fare un governo di emergenza tutti assieme (che ammucchiata!) si andava a votare tre mesi dopo dicendosene di tutti i colori e pensando solo al proprio cadreghino.
    Fichissimo

    ferro

  3. vincenzillo ha detto:

    zorro, grazie, la scena di Fantozzi con Excalibur è fantastica.

  4. vincenzillo ha detto:

    ferro, "Con le tue logiche a quest'ora al governo ci stavano le brigate rosse."

    E invece, guarda un po', anche se a Roma nessuno mi ascolta, ora c'è perfino la possibilità che, alla fine, il vero vincitore morale e politico sia il mio Berlusconi. La realtà potrebbe essere ancora più berlusconiana di me.

  5. anonimo ha detto:

    ferro, "Con le tue logiche a quest'ora al governo ci stavano le brigate rosse."

    E invece, guarda un po', anche se a Roma nessuno mi ascolta, ora c'è perfino la possibilità che, alla fine, il vero vincitore morale e politico sia il mio Berlusconi. La realtà potrebbe essere ancora più berlusconiana di me.

    ???

    se B. risulterà in concreto il vincitore (alle px elezioni) sarà la prosecuzione di un disastro conclamato.
    Sono due le cose alle quali è impossibile opporsi: le catastrofi naturali e l'imbecillità umana. Più la seconda

  6. anonimo ha detto:

    Adesso spread a 4.65 due giorni fa a 5.75. B. non si è ancora ufficialmente dimesso e già il cielo è piu' sereno.
    Godetene ragazzi. Per voi stessi non contro qualcuno.

    ferro

  7. vincenzillo ha detto:

    ferro, "se B. risulterà in concreto il vincitore (alle px elezioni) sarà la prosecuzione di un disastro conclamato."

    B può anche non candidarsi più. Sarà Monti, se davvero governerà, a spianargli la strada verso la presidenza della Repubblica, dell'Ue, della Bce, degli USA. Perché se davvero Monti farà approvare quelle stesse misure liberali che Berlusconi si è già fatto approvare dall'Europa, l'antiberlusconismo crollerà rovinosamente, rivelando tutta la sua miseria intellettuale, politica e morale. E finalmente si respirerà aria migliore.

  8. vincenzillo ha detto:

    ferro, "Adesso spread a 4.65 due giorni fa a 5.75. B. non si è ancora ufficialmente dimesso e già il cielo è piu' sereno."

    A quando, invece, le tue dimissioni dal reparto ossessivi compulsivi?

  9. anonimo ha detto:

    a me pare che il Pd la sua posizione l'abbia chiarita da tempo.
    é il PDL che è indeciso su cosa fare.

    Frank77

  10. leftheleft ha detto:

    minchia dai basta la parola Monti e guarda che succede in germania

  11. vincenzillo ha detto:

    frank77, "a me pare che il Pd la sua posizione l'abbia chiarita da tempo."

    Ah sì? E qual è?

  12. vincenzillo ha detto:

    leftheleft, "minchia dai basta la parola Monti e guarda che succede in germania"

    🙂
    Li riconosco: sono gli stessi autorevoli commentatori che vennero intervistati all'oktober fest da piazza pulita o da telese, non ricordo, tanto l'è istèss còs.

  13. anonimo ha detto:

    "Mario Merlino potrebbe fare davvero una grande magia: fare le riforme liberali che Berlusconi non ha potuto fare. Cioè salverebbe l'Italia grazie al programma di quello che è stato fatto passare come il devastatore dell'Italia. E allora sì che, quando si torna al voto, per noi berlusconiani ci sarebbe da ridere."

    Allora Vinz… lasciami dire due cose a riguardo. Se Monti veramente facesse le riforme che berlusconi ha come sempre nella sua storia politica annunciate e poi mai realizzate, sarebbe l'ennesima devastante sconfitta personale e politica dell'uomo e del suo movimento, altro che la sua vittoria. Perche' se arriva un signor nessuno (politicamente parlando) e in un periodo politicamente brevissimo le passa, beh, ragazzo mio, io da ridere per berlusconi ci vedo ben poco. Sarebbe solo l'ennesima riprova del fatto che lui non riesce mai a combinare nulla al di la' degli annunci. 

    Aggiungo. Io non capisco perche', se non spiegandolo da un rapporto morboso e da innamorati, voi berlusconiani siate cosi' attaccati a lui, e traduciate tutto secondo le sue categorie, ormai evidentemente logore e stracciate. Berlusconi e' stato, a parole, il paladino del liberalismo. In pratica, appunto, non ha fatto nulla di nulla delle riforme attese. E dire che non le ha potute fare (in 17 anni) e' come quando una ragazza ti lascia dicendoti "e' perche' ti amo troppo". Ossia coprire con una cazzata gigante un'evidente verita', che e' pero' evidente solo a chi non e' innamorato. Oppure, letto in altro modo, se B in 17 non le ha fatte per i magistrati di sinistra le televisioni e le crisi globali, beh allora si faccia da parte e vediamo se qualcun'altro piu' bravo di lui ci riesce. Chi e' veramente liberale, ha a cuore le riforme liberali, indipendentemente da chi le fa. Indi se le fa Monti, benissimo, basta che qualcuno le faccia. Con buona pace di B e della sua (ormai nemmeno piu' presunta) fede liberale.

    Ivan

  14. anonimo ha detto:

    ps: tu non hai votato Monti, ma io certamente non ho votato quel pirla di Scilipoti, e la cosa mi disturba assai..

    Ivan

  15. anonimo ha detto:

    Beh il PD è per l'appoggio a Monti.

    Frank77

  16. vincenzillo ha detto:

    Frank77, "Beh il PD è per l'appoggio a Monti."

    Bersani, il segretario, era in piazza sabato scorso con quelli che gridavano che la lettera di Berlusconi all'Europa era "macelleria sociale".
    Idem, per loro, la riforma delle pensioni, che oggi invece Monti ha già detto di voler fare.
    Tra il dire e l'appoggiare, c'è di mezzo il mare. Per il Pd, anche i Monti.

  17. anonimo ha detto:

    A quando, invece, le tue dimissioni dal reparto ossessivi compulsivi?

    Io?

    Sicuro sicuro?

    ferro

  18. vincenzillo ha detto:

    ivan, "se arriva un signor nessuno (politicamente parlando) e in un periodo politicamente brevissimo le passa, beh, ragazzo mio, io da ridere per berlusconi ci vedo ben poco."

    Vedi, tu focalizzi troppo su B. Tu, non io.
    Invece, focalizza per un attimo sulle sue idee. Tu forse non ti rendi conto che bomba atomica sarà, in Italia, il giorno che le sue idee saranno riconosciute urbi et orbi come la salvezza dell'Italia. Le sue idee! Pensaci bene, ivan, per un solo istante. Se vuoi, parti da ciò che ha fatto di liberale, tipo università, articolo 8 etc. Sono cose su cui l'Europa ora ci forza ad andare avanti. Avanti, non indietro. E sono idee sue. E salveranno l'Italia! Titolo di Repubblica: "Sapevamo già che Berlusconi aveva le idee giuste. Ma potevamo votarlo, con quel cerone ridicolo?" 
    Capisci? Se non sarà una bomba atomica, poco ci manca. E dopo che questa bomba atomica avrà disintegrato l’antiberlusconismo, che cosa rimarrà al centro dell’attenzione, a dx come a sx? Le idee, finalmente.

    "Con buona pace di B e della sua (ormai nemmeno piu' presunta) fede liberale."

    Vedi, Ivan, anche il fatto che tu dica che B non è un liberale, è rivelatore di due cose: primo, che non hai capito nulla di lui (peccato poco grave e diffusissimo). Secondo, più grave, che il tuo ragionamento comincia e finisce con lui. Tu focalizzi troppo su B. Tu, non io.
    Invece, prova a partire da una semplice verità, e cioè che B è liberale. Provaci. "Liberale" non in senso "dottrinario", professorale, ma per istinto, attitudine, vita. Fingi di accettarlo almeno per un secondo, usalo come punto di appoggio, così, per gioco, e vedrai che tutto si semplifica, e non ti avviti più sullo sterile processo alle sue vere intenzioni. 

    "ps: tu non hai votato Monti, ma io certamente non ho votato quel pirla di Scilipoti, e la cosa mi disturba assai.."

    Fino ad augurarti ogni giorno, per mesi e anni, che cadesse il governo? Senso delle proporzioni, ivan, senso delle proporzioni.

  19. anonimo ha detto:

    Vincenzillo, che chi sta  all'opposizione dica una cosa e poi una volta al governo faccia il contrario non è una cosa nuova in Italia,e non solo in Italia.

    Frank77

  20. anonimo ha detto:

    Vinz io mi focalizzo proprio sulle idee.. Le idee liberali non sono assolutamente appannaggio di berlusconi! Anzi!
    Ma certamente Berlusconi e' l'unico che (nell'Italia recente) le ha marchettate col megafono, per cui uno stuolo di persone (incluso il sottoscritto) ha creduto nel 94 che le portasse avanti. Ma di suo, e di innovativo, non c'e' assolutamente nulla. Per quello lui e' fungibile, ossia perfettamente sostituibile, overnight, da un Monti "qualsiasi". Perche' di nuovo e dirompente nel berlusconismo non c'e' nulla. Oltre al fatto oltremodo negativo di non aver poi portato lui avanti nulla di quanto promesso. Dire che le sue (presunte) idee liberali sono solo sue e che siano dirompenti, e', ad esser buoni, ingenuo, ad essere critici, ignorare la storia e teoria economica ed i loro portavoce politici.

    E, sul personaggio Berlusconi / liberale: la prima macroscopica evidenza del fatto che non lo sia, e' l'imposizione del duopolio / monopolio televisivo. monopolio che non siamo ancora riusciti a scardinare perche' lui e' al governo. Quando se ne andra', forse ce la faremo (e il valore crollato delle azioni mediaset lo sembra anticipare).

    "Invece, prova a partire da una semplice verità, e cioè che B è liberale. Provaci. "Liberale" non in senso "dottrinario", professorale, ma per istinto, attitudine, vita. Fingi di accettarlo almeno per un secondo, usalo come punto di appoggio, così, per gioco, e vedrai che tutto si semplifica, e non ti avviti più sullo sterile processo alle sue vere intenzioni."

    Questo non e' essere liberali Vinz, questo e' essere cani sciolti.
    Inoltre, il processo alle sue intenzioni io non lo faccio, non mi interessa proprio: io contensto sempre i fatti, ossia quello che lui non ha fatto contro quello che aveva dichiarato avrebbe fatto.

    "ps: tu non hai votato Monti, ma io certamente non ho votato quel pirla di Scilipoti, e la cosa mi disturba assai.."
    Fino ad augurarti ogni giorno, per mesi e anni, che cadesse il governo? Senso delle proporzioni, ivan, senso delle proporzioni."

    questa non l'ho capita.
    per me il tuo ragionamento su monti vale tanto quanto il mio su scilipoti.

    ivan

  21. vincenzillo ha detto:

    Frank77, "che chi sta  all'opposizione dica una cosa e poi una volta al governo faccia il contrario non è una cosa nuova in Italia,e non solo in Italia."

    Aspettiamo e vediamo, ormai non manca molto. Io sono già lì con pizza e birra: sta settimana non c'è nemmeno la champions!

  22. vincenzillo ha detto:

    ivan, "Le idee liberali non sono assolutamente appannaggio di berlusconi! Anzi!"

    Benissimo. Allora fammi una lista di politici italiani votabili. Dato il tuo entusiasmo, non accetto liste inferiori ai 50. E non scherzo.

    "di suo, e di innovativo, non c'e' assolutamente nulla."

    In un paese parasocialista come il nostro, retto tramite concertazione, consociativismo, in cui la libertà d'impresa la conosci meglio di me, e in cui siamo tutti vessati da burocrazie, privilegi, corporazioni, caste, parassiti, per me, sì.

    "Inoltre, il processo alle sue intenzioni io non lo faccio"

    Ma come no? Solo in quest'ultimo commento hai scritto almeno 3 volte che non è liberale:
    "le sue (presunte) idee liberali"
    "Questo non e' essere liberali "
    "sul personaggio Berlusconi / liberale: la prima macroscopica evidenza del fatto che non lo sia"
    Se questo non è fare il processo alle intenzioni, io sono Carmen Russo.

    "l'imposizione del duopolio / monopolio televisivo"

    Su questo, il discorso è lungo, ma te lo sintetizzo. Berlusconi, con le tv private nazionali, ha creato dal nulla un mercato che prima non esisteva. La sua fame di gloria, potere, soldi, ha creato lì e anche in altri campi ricchezza diffusa. Mercato, ricchezza diffusa: se questo è socialismo, io sono Enzo Paolo Turchi. (Se invece tu pretenderesti che facesse un passo indietro anche lì, quello non è liberalismo, ma pura follia)

  23. pierinolapeste ha detto:

    Il fatto che Berlusconi sia stato un ottimo impresario televisivo, non ha nessun logico legame con il fatto che possa o meno essere un politico "liberale" ci sono imprenditori chehanno creato imprese 100 volte più grandi di quelle di Berlusconi, ricchezza diffusa e benesere per centinaia di milioni di persone in Cina, che però sono e rimangono COMUNISTI  al 100%.
    Il concetto alla fine che tu non accetti è che un politico si può dire liberale SOLO se la sua azione politica porta ad una maggior libertà individuale ed economica, il resto sono inutili chiacchere.
    Rimango convinto che il giudizio di Montanelli, che in italia ci fossero politici capaci con pessime idee ( i cattocomunisti ) e le buone e utili idee liberali fossero in mano ad una marmaglia di cialtroni in malafede si avvicina abbstanza alla realtà.
    E dire che comunque Berlusconi è una persona intelligente e probabilmente molto più intelligente della media dei sui collaboratori non ha nessuna importanza, l'intelligenza non è MAI garanzia di capacità nel raggiungere i propri scopi, l'intelligenza di Leopardi era sovraumana, ma era e rimaneva un povero sfigato e un dropout…….

  24. anonimo ha detto:

    Come sai credo tu sia innamorato.. e con gli innamorati c'è poco da discutere, anche se io mi ostino a farlo  😉
    e la tua chiusa sulle televisioni è lì a dimostrarlo in modo mega-scopico.
    Reclami il liberalismo, ma solo col culo degli altri, se mi permetti il fine parallelo..  😉
    D'altra parte il capitalismo contemporaneo quello è, liberalismo col culo degli altri.
    Saluts
    Ivan

  25. vincenzillo ha detto:

    pierinolapeste, "un politico si può dire liberale SOLO se la sua azione politica porta ad una maggior libertà individuale ed economica"

    Non ho più intenzione di sottostare al giochetto di dover dimostrare che B è un liberale. Continua pure a credere ciò che ti pare.

  26. vincenzillo ha detto:

    ivan, "credo tu sia innamorato.. e con gli innamorati c'è poco da discutere"

    Come dicevo a pierinolapeste, non ho più intenzione di avallare questo tuo/vostro processo alle intenzioni di B, perché è sterile, snervante e fuorviante. Sul resto, sono sempre qui.

Per 6 mesi questo blog assume la presidenza dell'Ue. Sono ammessi solo commenti sinceramente europeisti

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...