Quella comunista di mia madre

Adoro discutere di politica con mia madre, perché è la perfetta incarnazione di ciò che per me è la cattiva politica. Non c'è una volta che parta da qualcosa di reale, un dato storico, un fatto assodato, un bisogno vero. Mai. E non c'è verso di farle capire che è da lì che bisognerebbe partire, invece. Fase uno: capire la realtà. Fase 2: formulare un'idea. Fase 3: tornare alla realtà. Niente. E infatti, adora Santoro e odia la Lega e Berlusconi. Li odia visceralmente, come si può odiare l'uomo nero. O come andavano odiati e vanno odiati i comunisti, i fascisti, i terroristi, ma quelli veri, però. Ma la cosa più bella è quando, ad assistere alle nostre pacatissime discussioni, le domeniche che vado a trovare i miei, ci sono anche i miei cugini di giù. Del sud, del meridione, della terronia. Dove nacque anche mia madre, che poi lasciò il paese di contadini e operai per diventare maestra. Nati e vissuti lì. Viventi lì ma, spesso, lavoranti qui, fissi o a progetto. Di tanto in tanto, si producono in perle assolute di naturalezza e verità, come questa:

"Zia, io ho paura, quando cammino in mezzo agli extracomunitari."

Oppure:

"Noi, al sud, siamo molto più razzisti di loro al nord."

Io gongolo, lei trasecola. Si vede benissimo che vorrebbe dire: Ma come? Queste bestialità le può dire solo quel #¥‹@§£% di Bossi!!!
Ma non lo dice, perché azzittita non da me – ma quando mai – ma dalla pura, semplice realtà.

Annunci

30 commenti su “Quella comunista di mia madre

  1. scudieroJons ha detto:

    Fa bene la mamma a odiare Berlusconi e Bossi.
    E ci sono anche un sacco di ragioni reali per farlo.
    Ma c'è più soddisfazione a odiarli visceralmente.

  2. leftheleft ha detto:

    il comunismo è una setta religiosa basata sull'odio di una parte della società sull'altra e che mistifica tale sentimente giustificandolo come "necessità storica"

  3. anonimo ha detto:

    Lefttheleft, ma che stai addì….

    Vincenzo. Forte tua madre. Anche la mia non è male.

    ferrotagliente

  4. anonimo ha detto:

    W la mamma, affezzionata a quella gonna un pò azzurra……….azzurra??????? 🙂

    Zorro

  5. leftheleft ha detto:

    @ ferrotagliente

    non è tanto dificile, dai, ce la puoi fare

  6. anonimo ha detto:

    Lefttheleft.
    Ce l'ho già fatta. Anche tu puoi. Con un certo impegno di lungo periodo, ma ce la puoi fare.
    Affettuosamente.

    ferrotagliente

  7. leftheleft ha detto:

    Ed allora Ferrotagliente, se ce l'hai fatta, argomenta in modo puntuale riguardo a cosa non capivi dell'affermazione che ho fatto riguardo al comunismo quale setta religiosa basata sull'odio.

  8. anonimo ha detto:

    Ho dato uno sguardo alla voce "comunismo" di wikipedia e mi pare passabile per cominciare.

    Poi direi

    "il comunismo" è troppo generico sono sicuro che hai un preciso riferimento storico in mente e già questo dovrebbe indurti a relativizzare la tua affermazione rendendola un po' piu' concreta e utilizzabile.

    "è una setta religiosa" ci sono state forme organizzative che potevano essere definite tali o che si definivano così da sé sole, ma altre no. Il Partito Comunista dell'Unuione Sovietica o della Repubblica Popolare Cinese non avevano nulla di settario, anzi. Non so se potresti definire in questo modo che so i monaci benedettini, le orde unne o le Trade Unions che pure sono tre forme che hanno in tutto in parte praticato forme di comunismo (o si sono rifatte a ideali socialisti o hanno fatto prevalere l'interesse della collettività su quello del singolo).

    "basata sull'odio di una parte della società sull'altra"  e che mistifica tale sentimente giustificandolo come "necessità storica". 

    Questa è la tua interpretazione – tendenziosa e limitata – di quello specifico riferimento che hai in testa. Anche prendendolo per buono – solo per puro amor di ragionamento – bisognerebbe quantomeno  definire di quali parti della società stai parlando.

    Ma si ritorna sempre alla domanda iniziale che riformulo in questo modo: "Che cosa c'entra con la madre di Vincenzillo"?

  9. vincenzillo ha detto:

    scudieroJons, "ci sono anche un sacco di ragioni reali per farlo."

    Di solito, mettersi di fronte alla realtà ha l'effetto di mitigare l'odio. A meno che sia uno di quegli odi grandiosi, epici, d'altri tempi.

    ferrotagliente, "Anche la mia non è male."

    E immagino che sia vendoliana anche lei.

    leftheleft, "sull'odio di una parte della società sull'altra"

    Il comunismo di mia madre è più un cattocomunismo. Quindi vago, blando, e sarebbe pure del tutto innocuo, se solo le togliessero il diritto di voto. Democraticamente, è ovvio. Il suo comunismo è lontanissimo dalla dottrina comunista, e basato invece su un vago sentimento di giustizia sociale. Non prevede la rivoluzione, né la dittatura del proletariato. Il suo odio non è verso una classe sociale, né le multinazionali, né il "capitalismo", ma solo verso la persona di Silvio Berlusconi, e la Lega, che ai suoi occhi è l'incarnazione del razzismo. Contenta lei.

  10. vincenzillo ha detto:

    zorro, scusa, mi era sfuggito il tuo commento. ma chi era, Bennato?

  11. anonimo ha detto:

    Perché Vincenzo l'intervento di Vendola l'altro giorno non era pieno di amore per gli zingari e i musulmani?

    Questi ultimi tra l'altro sono talmente tanti che testimoniamo dell'enormità dell'amore di Nichi nostro.

    Mia mamma – che temo più anziana della tua che, temo ancora di più, avrà un'età non lontana dalla… mia – ce l'ha solo con Silvio. Ma – a suo modo – per ragioni concrete. A suo tempo si aspettava di avere il mitico milione di pensione e non c'e' ancora arrivata nemmeno dopo dieci anni.
    Tu capisci che quando ti toccano nel soldo…

    (in questo sono imparziale. Tu non hai idea di quanto sia ancora popolare Amato dopo quella splendida trovata di fare un prelievo dai conti correnti…)

    ferro

  12. leftheleft ha detto:

    Con comunismo in genere ci si riferisce a quel movimento politico che deriva dalle teorie marxiste e che per primo definì se stesso “comunista”, lo sanno anche le pietre ma vabbè…
     Le attribuzioni di “comunismo primitivo” alle altre casistiche che hai copiato da wikipedia (io ho avuto a fortuna di studiare in un’epoca pre-internet ) sono state definite tali successivamente alla teorizzazione marxista.
    Quindi stabilito quello di cui parlavo, forse ti sfugge da cosa derivi la filosofia marxista.
     Mai sentito parlare di “dialettica Hegeliana”? mai sentito parlare di destra e sinistra hegeliana?
    Ti informo che in il materialismo storico marxista, su cui è basata la teorizzazione comunista è la riproposizione della dialettica di cui sopra ma in chiave materialistica ossia con l’eliminazione della parte relativa allo “spirito”.
    Come tu ben non sai, il marxismo classico teorizza una necessità storica nell’evolversi della società umana, che si sviluppa tramite la dialettica tra le classi sociali che si concretizza nella “lotta di classe” e la cui base sono i mezzi di produzione (struttura) che genera le forme dell’organizzazione sociale e le sue rappresentazioni culturali (sovrastruttura).(che bello non avere bisogno di wikipedia per scrivere certe cose). Tale sviluppo non è opzionale ma necessario e si concluderà (escatologia) con l’avvento sulla terra della società comunista .
    Qua subentra Lenin che definisce come necessario, nella fase precedente a tale avvento, il ruolo degli intellettuali marxisti che rappresentano coloro i quali conoscendo le radici del muoversi della storia sono in grado di compiere di imperio (dittatura del proletariato) gli atti necessari, organizzati nel Partito. La Teoria Marxiana è “onnipotente perché giusta” (Lenin “Tre fonti e tre parti integranti del marxismo”)
    Riassumo:
    C’è colui che ha visto la verità : marx
    Ci sono i testi che descrivono la rivelazione: il capitale, il manifesto ecc.
    C’è una fine della storia necessaria e inevitabile con l’avvento della giustizia sociale in terra: il comunismo realizzato. “il completo, consapevole ritorno dell’uomo a se stesso, come uomo sociale, cioè come uomo umano” parola di Karl.
    Ci sono gli esegeti dei testi e degli eventi: Lenin e gli intellettuali marxisti
    Ti viene in mente qualche cosa? Sant’Agostino magari , vai su wikipedia, caro, vai..
    Ma questa lotta di classe è NECESSARIA perché è scritto nel libro della natura, vediamo sempre l’amico Lenin cosa scriveva:
     “la società civile è difesa in classi ostili e per di più inconciliabilmente ostili, il cui armamento  SPONTANEO determina una lotta armata fra esse”
    “Il proletariato non può vincere senza spezzare la resistenza della borghesia, senza reprimere con la forza i suoi avversari. Senza una guerra lunga,  tenace, spietata, per la vita e per la morte”
    “”Marxista è soltanto colui che estende il riconoscimento della lotta di classe alla dittatura del proletariato…il potere politico, l’organizzazione centralizzata della forza, l’organizzazione della violenza, sono necessari al proletariato sia per reprimere la resistenza degli sfruttatori, sia per dirigere l’immensa  massa della popolazione.. nell’opera di avviamento dell’economia socialista”
    La dittatura del proletariato per Lenin è ”un Potere conquistato e sostenuto dalla violenza del proletariato, contro la borghesia, un Potere non vincolato da alcuna legge”
     (citazioni prese da “il pensiero occidentale dalle origini ad oggi, volume terzo”)
    Cioè l’ostilità (odio) è NECESSARIA E SPONTANEA e INEVITABILE
    Per me tale interpretazione dell’odio/ostilità di una parte sociale sull’altra quale necessità storica è una mistificazione.
    Ti serve che ti ricordi chi era Lenin e quale sia stato il suo ruolo durante la rivoluzione russa e creazione dell’unione sovietica? Spero di no.
    Cito Luciano Pellicani  “Lenin innalzando il marxismo a ideologia ufficiale del Partito comunista, lo ha sottratto ad ogni forma di critica, di discussione, di libero dibattito. Non può sorpredere, quindi che nelle mani dei comunisti, il marxismo sia divenuto una specie di teologia laica sclerotizzata in rigidi dogmi assolutamente vincolanti per i fedeli”. E questo detto da un uomo di sinistra. Per me invece il frutto non cade mai lontano dall’albero e Lenin è conseguenza di Marx e Stalin è conseguenza di Lenin.
    Questo per rispondere all’affermazione risibile “ Il Partito Comunista dell'Unione Sovietica o della Repubblica Popolare Cinese non avevano nulla di settario”
    Il comunismo maoismo ricalca quanto riportato.
    Infine per quanto riguarda la struttura settaria del comunismo ricordo le famose “3 P”:
    Platone Popper Puppa

  13. leftheleft ha detto:

    @ vincenzillo, non ti far problemi a cancellare il precedente commento visto la lunghezza… 🙂

  14. anonimo ha detto:

    vuoi dire che ci sono senza cervello al nord come al sud?..  😉

  15. PietroFratta ha detto:

    Non se se ti è mai cpaitato (ma presumo di sì…) di parlare con comunisti, o gente che dice di non esserlo ma parla allo stesso modo, i quali affermano che da noi, in Italia, il comunismo non ha fatto danni e, in un certo senso, è innocente.
    Lasciamo da parte i silenzi del Partito sulle nefandeze dei loro grandi fratello russi e cinesi (che, anzi, erano dei miti), ma è come sentirsi dire: "Sì, è vero, in Italia c'era il partito più importante d'Occidente e… sì, volevamo fare del nostro PAese una bella periferia sovietica, ma non ci siamo riusciti!"
    Insomma, i danni li volevano fare, ma non essendoci riusciti sono da considerare puri e giusti. Logico, no?

  16. pierinolapeste ha detto:

    Tra il comunista Napolitano che ha accettato come buona e giusta i carri armati russi a praga che hanno fatto 2000 morti tra i civili, per tenere sotto controllo un popolo che voleva essere padrone a casa sua , e il "liberale" e "democratico" SIlvio Berlusconi  che ha accettato come cosa buona e giusta i carri armati russi che hanno fatto 200mila morti civili (ammessi pubblicamente dall'esercito russo) in Cecenia per tenere sotto controllo un popolo che voleva essere padrone a casa sua che differenza c'è?
    http://www.radioradicale.it/scheda/186863/vertice-ue-russia-berlusconi-difende-putin-su-caso-yukos-e-cecenia
    Accusare chiunque abbia dubbi sulle capacità di Berlusconi di essere un pericoloso stalinista e poi difendere un macellaio COMUNISTA come Putin è abbastanza schifoso.Dico che Putin è COMUNISTA  perchè per me i comunisti sono quelli che nazionalizzano il 65% dell'economia di una nazione, come ha fatto Putin cancellando tutte le privatizzazioni e le liberalizzazioni dei governo precedenti.
    Le seghe mentali ideologiche non mi interessano minimamente, per me è comunista chi si comporta da comunista, e in questo senso Putin applica i consigli del Manifesto di Marx.

  17. anonimo ha detto:

    Ahhh che bella italia. Certo se fossero esistiti i celuduristi nella torino e nel nord della prima industrializzazione.. Che bello.. Avrebbero potuto sparare sui treni e gli autobus che portavano i terroni a lavorare al nord, tra i nordisti impauriti dalla loro invasione.. Sarebbe stata un’italia migliore senza i terroni al nord? Eh probabilmente si. E tu? Che cosa ne sarebbe stao di te se la giustizia leghista fosse nata a quei bei tempi? Avresti scritto bellamente in questo blog o saresti stato pescatore di cozze su uno scoglio in sicilia?

  18. anonimo ha detto:

    il precedente commentatore si sveglia alle sei di mattina per scrivere il suo pippone demente… rivelandosi un VERO comunista, incapace di rapportarsi con la realtà…
    per quanto riguarda i comunisti familiari, io ne ho un esempio nella moglie di mio cuggino… sono 30 anni che scassa la minchia a tutti, dicendo che lei è una donna libera, de sinistra, ecc acc, che la madre di suo marito è una povera oppressa ecc…
    basta dirgli solo una cosa… che lei nella vita non ha fatto altro che sposare il figlio del più ricco del paese.
    Non so perchè nessuno glielo dica…. affetto familiare?
    itto ogami

  19. anonimo ha detto:

    #18
    Sempre per il 1 principio dei termo-berluscones che dice che uno di sinistra deve essere povero per definizione, seguito dal 2 principio dei berluscones quantistici che vieta a donne di sinistra di innamorarsi di imprenditori et similia…..giusto? He lo so…sono sempre stato forte in fisica..

    Zorro

  20. anonimo ha detto:

    @19
    ?
    ovviamente, non hai capito niente.
    non è il fatto che abbia sposato un ricco, ma il fatto che rinfacci ai suoi genitori di aver prodotto la ricchezza di cui gode.
    itto ogami

  21. anonimo ha detto:

    nuova legge dei berluscones! Quelli di sinistra devono saper leggere ciò che non c'è scritto in un commento, se non lo fanno "ovviamente" non capiscono niente..

    Zorro

  22. PietroFratta ha detto:

    Vincenzillo, chiedo scusa per i ripetuti orrori ortografici del mio commento, ma scrivevo di fretta (l'unica scusa che mi viene in mente).

    Mò vado a godermi Federer contro Nadal. Buona domenica.

    Pié

  23. anonimo ha detto:

    eheheh zorro, i berluscones sono per definizione maestri nell'interpretazione a cazzo delle leggi universali del vivere. Il loro capo spirituale ne ha fatto una filosofia di vita e di malaffare. Inutile discutere. L'importante comunque é vederli rosicare ogni tanto. Fa bene all'anima

    Legend

  24. anonimo ha detto:

    va bene, bimbi, avete ragione voi.
    e quindi confermate che ai comunisti bisogna sempre dare ragione, se no si mettono a piangere e sporcano il pannolino per dispetto.
    itto ogami

  25. anonimo ha detto:

    segui i consigli di tua madre, figlio degenere!
    EA

  26. vincenzillo ha detto:

    ferro, "A suo tempo si aspettava di avere il mitico milione di pensione e non c'e' ancora arrivata nemmeno dopo dieci anni.
    Tu capisci che quando ti toccano nel soldo…

    (in questo sono imparziale. Tu non hai idea di quanto sia ancora popolare Amato dopo quella splendida trovata di fare un prelievo dai conti correnti…)"

    Ecco, lo vedi che ci si arriva sempre? Berlusconi non non riesce a dare, ma almeno non toglie. A sinistra, invece, stai sicuro che tolgono!!!

  27. vincenzillo ha detto:

    #14, "vuoi dire che ci sono senza cervello al nord come al sud?..  ;-)"

    Hehe, esattamente il contrario: CON cervello e occhi per vedere.

    pietro, "i quali affermano che da noi, in Italia, il comunismo non ha fatto danni e, in un certo senso, è innocente."

    Questa presunta "innocenza" è esattamente l'autogiustificazione morale, che tiene ancora in piedi sia i rimasugli di comunismo dichiarato, sia quelli "mutati" in certe forme di veterosindacalismo, ambientalismo, noglobal, antagonismo e simili.
    Maledetto Nadal, ha battuto il mio Roger. Anche perché io non c'ero. Ero al cine a vedere Habemus Papam…

    pierinolapeste, "difendere un macellaio COMUNISTA come Putin è abbastanza schifoso."

    Putin va condannato per le atrocità commesse. Ma poi, che si fa? Si butta a mare i rapporti economici con lui? E soprattutto, lo si lascia ai cinesi?

  28. vincenzillo ha detto:

    #17, "Sarebbe stata un'italia migliore senza i terroni al nord?"

    Assurdo per assurdo, sarebbe stata un'Italia migliore senza le politiche assistenzialiste ad libitum, senza le politiche industriali affidate ai sindacati, senza i sindacati politicizzati, senza la sindacalizzazione della scuola etc. etc. Insomma, senza il tentativo utopico del posto fisso per tutti. Ma se lo si riconosce e si cambia strada, forse c'è ancora speranza.

    itto ogami, è estremamente significativa, questa attrazione fatale dei rivoluzionari verso i ricchi, e viceversa. Parecchi rivoluzionari già appartengono ai ceti più alti. Per gli altri, probabilmente, vale il fiuto animalesco: si annusano tra loro e si riconoscono come membri dell'ultima aristocrazia, il famoso radical-chic.

  29. pierinolapeste ha detto:

    Tra fare affari con la Russia e dire che chi ha ammazzato 200mila persona in uno stato che aveva un milione di abitanti non ha fatto niente di male  c'è una certa differenza , Kissinger è stato l'esempio di cosa significa essere disposti a qualunque compromesso per una visione POLITICA, per ottenere risultati concreti e con una visione a lungo termine, dire che leccare i piedi ai peggiori macellai ( tra cui Chavez ) per ottenere qualche contratto in più è "una grande politica estera" mi sembra poco comprensibile.

  30. vincenzillo ha detto:

    pierinolapeste, "per ottenere risultati concreti e con una visione a lungo termine"

    Fare da tramite tra USA e Russia ha effetti commerciali positivi nel breve e nel lungo periodo. Nell ungo, agganciare la Russia per non farla scivolare nell'orbita cinese. Non mi sembra proprio piccolo cabotaggio.

Per 6 mesi questo blog assume la presidenza dell'Ue. Sono ammessi solo commenti sinceramente europeisti

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...