Kafka era un ottimista

Dopo un post sulla giustizia italiana (qui), sono stato invitato a tacere sul tema, con l'argomento che non sono un giurista – ebbene sì, signor giudice, non sono un giurista: ma allora, perché mi fanno pagare le tasse anche per mantenere la giustizia?

Oggi, quindi, mi compiaccio di continuare a postare i miei contributi definitivi alla soluzione dei problemi della giustizia italiana. Parto da una puntata del programma di Antonello Piroso, giornalista che da tempo si è preso a cuore il tema. Bravo Piroso! Un paio di settimane fa, un frequentatore di questo blog mi segnalò che Piroso aveva intervistato Piercamillo Davigo, ex magistrato del pool di mani pulite. Non certo un berlusconiano. E io sono andato diligentemente a guardarmi l’intervista.
 
Uno dei temi era la durata dei processi. Disumana. Disumana sia per chi è sotto accusa, sia per le vittime.
 
Davigo ha dato qualche cifra sulla giustizia penale, confrontandola con quella della Gran Bretagna, paragonabile per numero di abitanti. Ebbene, l’Italia spende come la Gran Bretagna. Sicuro? Sì. Sicuro sicuro? Sì. Ma allora, perché qui piangono tutti miseria per le fotocopie, la carta, il governo dei mafiosi… E invece spendiamo uguale. Uguale. Viene confermata l’idea che mi ero fatto da comune cittadino, pur non leggendo a colazione i bilanci del ministero del tesoro italiano ed estero, né i bilanci dei tribunali italiani ed esteri: noi spendiamo quanto gli altri. Bene. Allora il problema sta altrove.
 
Altro dato. In Gran Bretagna ci sono 300.000 processi penali all’anno. In Italia 3.000.000. Sì, avete letto bene: 10 volte di più. Ora, perfino a noi che non siamo fini giuristi, sembra ovvio che i processi durino di più. Molto di più. Disumanamente di più. E che i soldi non bastino.
 
Soluzione? Davigo dice: ridurre il numero dei reati previsti dal codice penale. Bene. Benissimo. Sono d'accordo. E se, dico io, riducessimo anche il numero dei processi? Come? Con un bel filtro. Un bell'ufficio che vagli le cause presentate e stronchi sul nascere tutte quelle che palesemente non stanno in piedi.
 
Mi sembra già di sentire l’obiezione del tipico sincero democratico: Sì, bravo, è arrivato il fascista! Decide lui se la mia causa sta in piedi o no! Ma non esiste in nessun altro paese civile e bla bla bla. Peccato per lui, che in Francia esista già. E che stronchi sul nascere l’80% delle cause. 80%. (Fonte: Milena Gabanelli, Report) Su 3.000.000, fanno 2.400.000. Non male.

Altro aspetto ricordato da Davigo: le impugnazioni, cioè i ricorsi contro la magistratura. In Italia i ricorsi sono 100.000 all'anno. Negli Stati Uniti d'America 120. Sì, avete letto bene anche stavolta: 1.000 volte meno! Ora, anche a noi che non siamo fini giuristi, viene il sospetto che il motivo sia uno solo: in Italia, le impugnazioni infondate non vengono punite. Quindi, si intasano i tribunali. Quindi, puniamole, no?

Bene. Dopo aver capito come risolvere i problemi della giustizia, mi viene un vaghissimo dubbio: misure del genere incontrerebbero l’opposizione ferma, decisa e democratica di chi, su questa barbarie, ci campa. Ah, certo, Berlusconi! Certo, insieme a tutti gli avvocati penalisti italiani. E ricordiamoci sempre che, così come i pubblici ministeri hanno il loro sindacato che ricatta i governi, l'ANM, anche gli avvocati hanno il loro Ordine. Potentissimo. Intoccabile. Una casta. Come tutti gli ordini. Roba da chiedersi se siamo la culla del diritto o il paradiso degli ordini.

Annunci

6 commenti su “Kafka era un ottimista

  1. anonimo ha detto:

    D'accordo più o meno su tutto.
    SIamo la patria del diritto. E del rovescio (Flaiano).
    Sulla questione della giustizia ci marciamo (e non è l'unico  caso).
    Resta il fatto che obiettivamente veder promossa la riforma della giustizia di un imputato non può che generare sospetti.

  2. anonimo ha detto:

    Per non parlare della giustizia civile che é in una situazione ancora piú drammatica. È palese a tutti che una riforma che snellisca e renda piú efficiente la macchina processuale italiana é necessaria e doverosa. Il punto peró dolente di questo "accanimento" politico del nostro governo é peró, oggi, se una riforma seria come questa possa essere promossa e influenzata da un plurimputato in attesa di giudizio (sarebbe meglio dire in attesa di prescrizione) quale é il nostro premier. A me fa venire dei dubbi anche non capendo una minchia di questioni tecnico-giuridiche

    Legend

    PS che poi fino ad adesso l'inefficienza del sistema italiano ha favorito lui piú di ogni altro. L'accanimento infatti non é contro il sistema processuale, per il quale nessuna riforma é proposta e men che meno  qualche accenno di investimento, bensí contro i pubblici ministeri, quelli cioé che le indagini le iniziano, ligi a un principio di obbligatorietá sancito dalla costituzione italiana (altro che persecuzione giudiziaria di un porello)

  3. leftheleft ha detto:

    Interessante principio giuridico quello per cui un governo il cui presidente sia imputato, non possa promuovere una riforma della giustizia.
    Forse ci si dimentica che in Italia il presidente del consiglio ha poteri minimi, neanche quello di nominare i propri ministri.
    Una eventuale riforma della giustizia dovrebbe essere approvata dal Parlamento, o cominciamo a dire che visto che tra i parlamentari ci sono degli indagati neanche più quello avrebbe potere?
    Tale logica di fatto concederebbe (come se ce ne fosse bisogno!) un'ulteriore potere di veto al potere giudiziario, nei confronti del Parlamento e del Governo eletto dagli italiani

  4. anonimo ha detto:

    @leftheleft
    non intendevo arrivare ad enunciare un principio giuridico. Io lo chiamerei principio di decenza politica o se vuoi di etica civica o se vuoi onestá politica, di morale del dubbio o quello che vuoi. Ma nessun principio giuridico, per caritá

  5. vincenzillo ha detto:

    #1, "Resta il fatto che obiettivamente veder promossa la riforma della giustizia di un imputato non può che generare sospetti."

    Sai, nelle condizioni politiche attuali, non vedo alternative. Infatti, l'opposizione sta puntando tutto sulla difesa dello status quo. Che è ancora peggio.

    legend, "ligi a un principio di obbligatorietá sancito dalla costituzione italiana"

    Non sono d'accordo. Ormai fanno quello che gli pare, altro che obbligatorietà. Pensa, per esempio, a tutti gli altri presunti clienti della presunta prostituta Ruby. Dove sono? Chi sono? Perché loro non sono indagati, e invece è indagato sempre e solo il Berlusca?

  6. anonimo ha detto:

    eccola la riforma della giustizia…

    "approvato l'emendamento presentato dal relatore Paniz al ddl sul cosiddetto processo breve. Se sarà approvata dall'aula i processi Mills e Mediaset non arriveranno in tempo alla sentenza"

    corriere della sera

    legend

Per 6 mesi questo blog assume la presidenza dell'Ue. Sono ammessi solo commenti sinceramente europeisti

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...