Le elezioni come arma definitiva?

Dopo il fallimento della escort Patrizia D'Addario, del pentito Gaspare Spatuzza, del pentito Massimo Ciancimino, del pentito Gianfranco Fini; dopo che è andata a vuoto la sfiducia al governo (14 dicembre) e la sfiducia a Bondi; dopo che ha cominciato a vacillare anche la fiducia in Ruby e nell'efficacia dei magistrati amici o amici degli amici; dopo tutto ciò, sembra che il fronte politico e mediatico dei "veri democratici" si sia ridotto a pensare che l'arma definitiva per far fuori Berlusconi siano le elezioni. Sono davvero all'ultima spiaggia.

Annunci

21 commenti su “Le elezioni come arma definitiva?

  1. anonimo ha detto:

    purtroppo lo e' l'Italia intera.

  2. anonimo ha detto:

    Mi ricordo i tuoi post che condividevo e condivido, intitolati "il brutto e' immorale". Ancor piu' diretto, il tuo post sulla postulata indecenza che mettevano in piazza le teenagers che in abiti da te definiti trasandati scoprivano l'ombelico. Ma davanti al Gran Puttaniere che questi citati post fa impallidire, siamo sempre alle solite, ti inchini a testa bassa. Cosciente che tu non sia il solo, certamente: i sondaggi dicono che il 17% degli italiani lo voterebbe ancora presidente, mentre quasi il 30% voterebbe comunque PDL. L'Italia e' questo.
    Il Gran Puttaniere comunque invece di sbraitare puttanate a destra e manca potrebbe agire, visto che la maggioranza ottenuta come sappiamo comunque ce l'ha; ma invece come in tutto l'anno passato non fa nulla, non riesce a fare nulla. Per questi due motivi granitici (la questione di (in)decenza, e la sua totale inazione) il problema e' lui, e se ne dovrebbe andare. Cosciente che non lo fara', perche' se lo inghiottirebbe il magma un secondo dopo.
    Il centrodestra eletto dagli italiani avrebbe ogni motivo di continuare a stare al potere, fino a nuove elezioni; il problema e' solo lui, il padrone del PDL, il Gran Puttaniere.

  3. anonimo ha detto:

    scusa manca la firma, anche se avrai capito chi sono. Ivan

  4. vincenzillo ha detto:

    ivan, "siamo sempre alle solite, ti inchini a testa bassa."
    Sai, se a darmi del servo senza cervello è qualcuno che non conosco di persona, mi fa meno effetto. Ma nel tuo caso la trovo una cosa molto spiacevole. Se, invece, ritieni che io – pur facendo parte degli esseri inferiori che votano Berlusconi – abbia diritto ad avere le mie sacrosante idee, allora sono pronto a risponderti.

  5. anonimo ha detto:

    Stai dimenticando un po' di cose…

    Lodo Mondadori
    corruzione semplice

    All Iberian 1
    finanziamento illecito ai partiti

    Processo Lentini
    falso in bilancio

    Falsa testimonianza

    Acquisto dei terreni di Macherio
    falso in bilancio (primo capo di imputazione)

    All Iberian 2
    falso in bilancio, assolto perché il fatto non è più previsto dalla legge come reato in seguito alle riforme del Governo Berlusconi II

    Processo SME
    corruzione giudiziaria

    Tangenti alla Guardia di Finanza
    assolto per insussistenza del fatto

    Medusa cinematografica
    falso in bilancio, assolto in quanto per la sua ricchezza potrebbe non essere stato al corrente dei fatti contestati[1]

    Sme-Ariosto 1
    corruzione giudiziaria nei confronti di Renato Squillante, assolto per insussistenza del fatto

    Sme-Ariosto 2
    falso in bilancio, assolto perché il fatto non è più previsto dalla legge come reato in seguito alle riforme del Governo Berlusconi II

    Acquisto dei terreni di Macherio
    imputazione per appropriazione indebita, frode fiscale, falso in bilancio (secondo capo di imputazione)

    Spartizione pubblicitaria Rai-Fininvest

    Traffico di droga

    Tangenti fiscali Pay-tv

    Stragi del 1992-1993
    concorso in strage

    Concorso esterno in associazione mafiosa
    imputato assieme a Marcello Dell'Utri per riciclaggio di denaro sporco

    Caso Saccà
    indagato per corruzione e istigazione alla corruzione

    Abuso d'ufficio

    Diffamazione aggravata dall'uso del mezzo televisivo

    Corruzione dell'avvocato David Mills
    mentre Mills è stato condannato in primo grado e secondo grado, con prescrizione di una parte della condanna in Cassazione (confermato solo il risarcimento dovuto alla Presidenza del Consiglio dei ministri, parte civile nel processo), Berlusconi è ancora in attesa della sentenza dopo che il processo è stato sospeso prima a causa del Lodo Alfano poi bocciato dalla Corte Costituzionale e, successivamente, a causa della legge sul Legittimo impedimento poi bocciata parzialmente dalla corte costituzionale. Entrambe le leggi sono state approvate durante il Governo Berlusconi IV

    Compravendita di diritti televisivi

    Favoreggiamento della prostituzione minorile, per i presunti rapporti sessuali che avrebbe intrattenuto fra il febbraio e il maggio 2010 con tale Kharima el Marhoug, minorenne all'epoca dei fatti

    Concussione aggravata nei confronti di funzionari della Questura di Milano per ottenere il rilascio di Kharima el Marhoug, trattenuta negli uffici di polizia nel maggio 2010 perché accusata di furto, e il suo affidamento alla consigliere regionale lombarda del Pdl Nicole Minetti

    Concussione e minaccia a un corpo politico amministrativo e giudiziario, inchiesta di Trani per le pressioni esercitate sul Presidente dell'AGCOM

    Povero silvio…..UN BRAV'UOMO!!! tutti contro di lui!!!
    ps: se il silenzio di ruby vale 5 milioni…..non oso immaginare quanti soldi abbia dovuto sborsare per tutte ste faccende….

  6. vincenzillo ha detto:

    #5, e Ustica, Bologna, l'Italicus, JFK e l'Olgiata, dove li metti?

  7. anonimo ha detto:

    Nonostante lui si creda un dio…..non e' onnipotente…li ci han pensato altri…

  8. anonimo ha detto:

    No, non ti do del servo senza cervello. La cosa che mi inquieta e' proprio che tu di cervello ne hai, eccome.

  9. anonimo ha detto:

    Aggiungo, motivando almeno un poco la mia posizione, vista la tua risposta.

    Io mi ricordo delle tue posizioni antiche su governi, cultura, popoli e democrazia, e leggo invece costernato quello che pensi adesso. Nella sostanza: tralasciando la droga, i processi, le puttane, la corruzione, quisquilie cioe', in Italia abbiamo un governo populista che nemmeno riesce a governare. Il populismo e' la fine di ogni spinta in avanti: significa prendere (quando ci si riesce) le decisioni che accontentano la media della popolazione, significa tagliare fuori le elite culturali ed economiche che guiderebbero l'innovazione, significa distribuire poco a tutti anziche' dare priorita' che stimolino la crescita. Significa, in ultima analisi, condannare alla mediocrita' e quindi alla sconfitta totale di medio periodo. Il contrario di quello che predicherebbe berlusconi da anni, insieme all'ormai ridicolo slogan del taglio delle tasse. Come si fa allora a competere con la germania che laurea il 20% dei cittadini (noi il 3,5%) e non ha tagliato un cent al budget culturale/universitario? Che viaggia al 4%, che ha imposto per legge un tetto alle tasse di progressiva riduzione (a parita' di servizi erogati), e che si impone un deficit zero? Non si puo', semplice.
    Tutto questo, e la totale inazione del governo, nel bel mezzo della piu' grave crisi dal dopoguerra. Hai letto i dati sulla cassa integrazione, che e' calata fortemente? Hai letto perche', ossia che non la si paga piu' perche' si e' fuori copertura massima consentita dalle casse dello stato, e non perche' non sia piu' richiesta? E il governo cosa fa? Si sveglia e dice che cambiera' un articolo della costituzione inutile. O ma che bella figata, era veramente quello che tutti, operai compresi, auspicavamo fino in fondo al nostro cuore.

    Io quello che veramente non capisco, e lo dico in totale sincerita', e' questo. Come tu possa, davanti a questo totale fallimento di governo (non solo recente), e della persona di berlusconi, sostenere ancora le tesi che sostieni. A meno che tu non abbia interessi economici legittimi, legati allo status quo, per cui non discuterei. Tutto qui, anche se a volte mi faccio prendere dall'incazzatura del momento e colorisco i miei post. E se non ritenessi che tu sei intelligente, non mi porrei nemmeno il problema, ne leggerei il tuo blog.
    Ivan

  10. anonimo ha detto:

    Ultima cosa (spero).

    Credo di non essermi mai sentito cosi' insultato da un politico come in quest'ennesima ultima occasione per cui dovremmo credere che Berlusconi fosse convinto Ruby fosse la figlia di Mubarak.

    Forse, ma dubito, avrai assistito oggi alla manifestazione a Milano. Ti incollo qui il link al discorso di Saviano, che e' stato molto pacato. A me non ha colpito tanto il riferimento alla democrazia piu' o meno in ostaggio, quanto la sua sottolineatura del fatto, verissimo, che condivido appieno, che questa maggioranza sminuisca sempre e costantemente ogni accusa dicendo evabbe', tutti gli uomini alla fine si comportano cosi', solo che qulcuno lo dice, altri no.
    No, non e' cosi'. Per tornare anche solo all'esempio di cui sopra, io fossi il presidente non mi sognerei mai di raccontare una balla cosi' palese, cosi' offensiva, cosi' stupida, al popolo che dovrei guidare con l'azione e con l'esempio. Non ci sono piu' limiti, e nemmeno piu' scuse.

    http://tv.repubblica.it/politica/saviano-democrazia-in-ostaggio/61445?video&pagefrom=1&ref=HREA-1

  11. vincenzillo ha detto:

    ivan, ti rispondo su tre punti: generale, saviano, questione personale.

    Generale:
    "Il populismo e' la fine di ogni spinta in avanti: significa prendere (quando ci si riesce) le decisioni che accontentano la media della popolazione, significa tagliare fuori le elite culturali ed economiche che guiderebbero l'innovazione"
    Io ho una visione diversa della società, e soprattutto di quella italiana. Per me la vera spinta trainante non la danno le elite ma la libera iniziativa privata. Inoltre sono convinto che l'elite culturale italiana sia per larga parte arroccata su posizioni anti-storiche, altro che trainare l'innovazione. Sulle elite economiche non sono altrettanto ferrato, ma ciò che vedo chiaramente (leggendo per esempio Oscar Giannino) è la loro resistenza al cambiamento per via di interessi di posizione.
    (Quanto al populismo, condivido il commento di anarca, che peraltro si lega al discorso sulle elite e le loro rendite di posizione:
    http://vincenzillo.splinder.com/post/23732194/la-vera-colpa-di-silvio-e-il-suo-merito-maggiore)

    "Come si fa allora a competere con la germania"
    L'economia non è il mio campo, ma leggo che la Lombardia per certi versi è sui livelli della Germania. Analizzare il perché.

    "Come tu possa, davanti a questo totale fallimento di governo (non solo recente), e della persona di berlusconi, sostenere ancora le tesi che sostieni."
    La mia tesi politica di fondo, chiaramente presente nel mio finto discorso di berlusconi che tu hai rifiutato in blocco, è che Berlusconi rappresenta oggi l'unica vera molla per il cambiamento in senso liberale. Il suo fallimento si spiega con il bassissimo tasso di cultura liberale presente nel governo (oltre che con la resistenza a corpo morto di fette influenti di mondo politico, economico, giudiziario e intellettuale). Il mio prossimo voto a favore di Berlusconi si spiega con la totale assenza di liberalismo (nonché – cosa anche più grave – di socialdemocrazia) nel centrosinistra.

    (continua)

  12. vincenzillo ha detto:

    "tutti gli uomini alla fine si comportano cosi', solo che qulcuno lo dice, altri no."
    Tu, invece, credi davvero che si possa emendare moralmente la politica (e a cascata la società) per via giudiziaria? Io no. Anzi, io in questa azione vedo il vero pericolo per la democrazia. Pericolo che è in atto da mani pulite in poi. Ti ricordi il famoso discorso di Craxi, che invitò alla responsabilità, e che non venne ascoltato dai politici pusillanimi? Ecco, per me siamo ancora lì. Salvo che la politica oggi è più debole di allora, visto che non ha più l'immunità parlamentare. La politica oggi è sotto attacco, con l'aggravante che questo attacco viene sostenuto dalla cecità interessata della sinistra. La magistratura, sostenuta appunto dalla cieca sinistra, vorrebbe assumere la supplenza. (Guarda anche a Napoli, chi è il candidato ideale di Saviano? Cantone, cioè un magistrato!!). Tutta sta grande fanfaronata della "questione morale", la difesa a corpo morto della costituzione etc., indicano presunte soluzioni che per me, invece, sono malattie perfino più gravi della corruzione (che entro un certo grado è fisiologica). La costituzione va cambiata per rafforzare l'esecutivo, la magistratura va fatta tornare all'interno del suo alveo naturale. Con buona pace di Saviano, Santoro e tutti gli altri.

  13. vincenzillo ha detto:

    E chiudo con la questione personale:

    "Io mi ricordo delle tue posizioni antiche su governi, cultura, popoli e democrazia, e leggo invece costernato quello che pensi adesso."
    Io mi ricordo quando sfrecciavi a 100 all'ora sulla tua cazzo di Honda Nsr in viale Borri facendo il pelo agli specchietti. Dovrei forse andare a denunciarti dalla Boccassini, oggi?

    "Tutto qui, anche se a volte mi faccio prendere dall'incazzatura del momento e colorisco i miei post."
    Quando io ho pensato che tu avessi detto una cazzata te l'ho scritto esattamente così: "questa è una cazzata." E ho motivato. Invece, dire che "chino la testa", è dare del servo. Non è colorire, è declassare in prima battuta me e in seconda battuta le mie idee. Chiarito questo, ben vengano le coloriture.

  14. anonimo ha detto:

    Riprendo tutti i punti, un po' a cascata.

    Anche per me l'innovazione la da l'iniziativa privata. Che in parte coincide con le elite economiche (ma non con quelle culturali). Il problema comunque non si porrebbe: le elite economiche che non spingessero l'innovazione, se mai venissero coinvolte, semplicemente non avrebbero effetto sul sistema, mentre lo avrebbero solo quelle dinamiche.

    Certo che la Lombardia per certi versi e' a livelli della Germania. Ma, bisogna aggiungere, lo e' nonostante, l'Italia. Qui si concentrano le risorse italiane che ci rendono famosi nel mondo, e quindi il sistema riesce piu' o meno a sconfiggere il sistema penalizzante italia (ma non e' piu' come qualche anni fa nemmeno in lombardia comunque). Il resto delle regioni fa piu' fatica, perche' la concentrazione di eccellenze e' minore, e quindi non si riesce facilmente a superare la soglia minima per competere con efficacia, sempre, nonostante l'italia.

    Sull'azione di Berlusconi abbiamo idee opposte, come sai. Per me e' incapace di un'azione di governo quale essa sia, liberale o non liberale. (e io nemmeno credo lo sia, anzi semmai e' dirigista, o vorrebbe esserlo).

    Io non dico che si possa emendare per via giudiziaria la politica. Dico che l'area berlusconiana (ed escludo qui tutto il resto della destra, incluse le leve che all'interno del pdl non si riconoscono nel presidentissimo) e' vomitevolmente colpevole per parare il culo a B che non si vergogna di nulla. Ripeto, un insulto come quello di far dichiarare al parlamento intero che B credette al fatto che ruby fosse la figlia di mubarak e' una vergogna senza limiti. Ora visto che B non se ne andra' mai sua sponte, se le indagini proveranno la colpa per me va bene lo inchiodino al muro. E ribadisco, per me non e' la destra nel suo insieme il problema, per me e' Lui, e il marcio che si e' creato intorno. Io, believe it or not, ero e rimango di area centro-destra, e non plaudo all'ipotesi di avere Ventola al governo. Ma vorrei un uomo (di destra) di cui non ci si vergogni in ogni consesso. E, sulla costituzione.. mi sembra si urli in continuazione alla sua violazione, da entrambi gli schieramenti.
    Tutto nasce dal conflitto d'interessi immensi di berlusconi. L'avesse risolto a suo tempo, credo non ci troveremmo in questa situazione abominevole.

    "Io mi ricordo delle tue posizioni antiche su governi, cultura, popoli e democrazia, e leggo invece costernato quello che pensi adesso."
    Io mi ricordo quando sfrecciavi a 100 all'ora sulla tua cazzo di Honda Nsr in viale Borri facendo il pelo agli specchietti. Dovrei forse andare a denunciarti dalla Boccassini, oggi?

    Lo dico perche' le tue posizioni di adesso mi sembrano una regressione, anziche' un avanzamento. Io non sfreccio piu' con l'honda a 100km/h…

    Invece, dire che "chino la testa", è dare del servo. Non è colorire, è declassare in prima battuta me e in seconda battuta le mie idee. Chiarito questo, ben vengano le coloriture.

    Forse hai ragione. Fatto e' che mi e' uscito quando ho letto questo tuo ennesimo post per me ultraberlusconiano, perche' io non sono mai riuscito a leggere negli ultimi anni una tua riga di critica a berlusconi. Ti ho trovato oltre Ferrara, che e' tutto dire. Lui a volte lo critica, tu mi sembra mai, a parte forse qualche buffetto quasi involontario sulle guance. Per questo ho scritto "inchinato". Ma sapendo che tu non sei stupido, non intendevo servo, e te ne chiedo ancora scusa. Rimane il fatto che da una mente intelligente e critica come la tua non capisco come non esca mai una parola quantomeno di dubbio sulle milionate di contraddizioni (per non dire peggio, ovviamente) di Berlusconi, ghedini, cicchitto, gasparri & C.

    Ivan

  15. vincenzillo ha detto:

    "Tutto nasce dal conflitto d'interessi immensi di berlusconi. L'avesse risolto a suo tempo, credo non ci troveremmo in questa situazione abominevole."

    E' questo che ci divide davvero. Io non credo affatto che la causa di tutto sia il conflitto di interessi di Berlusconi. Credo, invece, che ridurre tutto a quello sia una scappatoia semplicistica e fuorviante. Io credo che Berlusconi con le sue vittorie elettorali abbia fatto venire al pettine nodi politici e istituzionali che per motivi diversi la cosiddetta prima repubblica non aveva mai affrontato. Nodi politici e istituzionali fondamentali che sono stati scantonati per decenni. Da tutti. Nodi che la sinistra furbamente ancora oggi tenta di scantonare. I più importanti li ho elencati punto per punto nel mio finto discorso del berlusca, che era pieno di argomenti politici, ma che tu hai scansato come se fosse propaganda. Ma io, eroicamente, insisto a mettertelo sotto gli occhi:
    http://vincenzillo.splinder.com/post/23625658/sensazionale-berlusconi-va-da-fazio

    "da una mente intelligente e critica come la tua non capisco come non esca mai una parola quantomeno di dubbio sulle milionate di contraddizioni (per non dire peggio, ovviamente) di Berlusconi, ghedini, cicchitto, gasparri & C."

    Ghedini, Cicchitto e Gasparri mi interessano poco. Sono comparse.
    I difetti di Berlusconi non li ho mai negati, ma li ho sempre inseriti nel contesto che mi interessa di più, che è quello dell'Italia del dopoguerra e in particolare della politica italiana da quando ci è entrato. Non in quello morale. Non in quello giudiziario. All'interno del contesto politico (vedi sopra), Berlusconi è un gigante per un sacco di motivi, e i suoi difetti, per quanto anch'essi di scala ragguardevole, fanno parte della scena, ma per me non sono il fattore dirimente. Fanno, sì, di lui una "anomalia", come amano dire i tuoi amici manettari e intolleranti. Ma, per me, "anomalia" positiva.

    Quasi fuori tema: la famosa "vergogna". Io arriverei a riconoscere perlomeno  la coerenza dei manettari, se li sentissi sbraitare e chiedere la testa dei responsabili dello sfascio e della paralisi della giustizia italiana con la stessa veemenza e con lo stesso numero di paginate che dedicano a Berlusconi. In mancanza di quello, io continuo a provare ripugnanza per loro e per la loro ipocrisia, e a provare vergogna per la nostra giustizia nel suo complesso (prima ancora che per i magistrati militanti e per i loro tentativi mostruosi di abbattere i governi a loro non graditi).

  16. anonimo ha detto:

    Io non intendo dire che il conflitto di interessi sia in se' la madre di tutti i problemi, dico che se Berlusconi l'avesse risolto (ma va da se' che non gli conveniva farlo) non si troverebbe, e con lui l'italia, in un impasse che dura da un quindicennio. Il conflitto cioe' non e' certo la causa dei mali, perche' i mali puntano invece diretti a lui.

    Io la tua lista l'ho scansata perche' per me non regge assolutamente nemmeno un punto, ed in modo macroscopico. Ma se tu volessi, potrei prenderteli uno per uno e dirti come la vedo. Non so pero' se ti interesserebbe…  🙂

    Con "difetti" di berlusconi io non intendo alcuni segni particolari, che potrebbero sino farlo simpatico, se non fosse che lui si comporta nei consessi come fosse al bar, anzi in una locanda; io intendo le gravissime lacune che dimostra in campo politico e strategico. Ripeto: io ero e rimango di destra, non voglio sparisca il centro-destra politico, ma sono ormai veramente schifato dal gruppetto mefitico che ci governa. Sto quindi guardando con estremo interesse al viaggio di Tremonti al sud, che spero sia timido preludio di una sua futuribile campagna elettorale. Se infatti l'Italia non e' ancora il burundi, lo dobbiamo esclusivamente a lui, a Tremonti. Che ha mantenuto il suo rigore e la sua pacatezza nonostante tutto e tutti.

    L'ultimo tuo punto non lo capisco, a dire il vero. Lo sfascio della magistratura a quanto mi risulta e' data dalla carenza di fondi strutturali, e quindi di organico (vedi persino la faccenda delle fotocopie per il rito abbreviato). E sarebbe accelerata alla velocita' della luce se passasse il processo breve, che semplicemente accorcia i tempi massimi senza modificare altro, ossia alle condizioni attuali significherebbe solo buttare al macero quanto faticosamente prodotto dai giudici italiani in milioni di cause. Sempre, e solo, per salvare il culo di una persona.

  17. vincenzillo ha detto:

    "Io la tua lista l'ho scansata perche' per me non regge assolutamente nemmeno un punto, ed in modo macroscopico. Ma se tu volessi, potrei prenderteli uno per uno e dirti come la vedo. "
    Fatti sotto. Sceglitene al massimo 3-4, però, se no facciamo notte.

    "Lo sfascio della magistratura a quanto mi risulta e' data dalla carenza di fondi strutturali, e quindi di organico"
    Questa è la versione dei magistrati piagnoni dell'Anm, quelli coccolati dai Travagli e dai Santori. Quindi l'unica che passa al volgo. Ma la Gabanelli, ripeto la Gabanelli, dice che le risorse destinate alla giustizia sono le stesse (credo addirittura in assoluto, non solo in percentuale) che in altri paesi europei, dove però la giustizia funziona infinitamente meglio. E quindi? Quindi tu mi insegni che c'è modo e modo di amministrare le risorse monetarie e "umane". Ed è lì, che stanno le vere colpe. Anni fa rimasi sconvolto nel sentire un ex magistrato ex mani pulite, ripeto ex mani pulite, dire che normalmente a capo dei tribunali non vengono messe persone brave a gestire ("Gestire": non senti come suona barbara, incivile, protofascista, questa parola!), bensì chi si è dimostrato bravo a fare il suo mestiere di magistrato. Ma la storia insegna che Maradona era Maradona in campo. Da allenatore, invece, Maradona può essere Birindelli.

  18. anonimo ha detto:

    Non sono certo un esperto di magistratura, indi non commento oltre sul tema; dico solo che se tu hai ragione benissimo, avanti tutta con una sana riorganizzazione, ma non con il taglio dall'alto dei tempi per i processi, che res sic stantibus quindi non avrebbe se non un effetto deleterio.

    Appena ho n'attimo ti pesco i 3/4 punti…

  19. anonimo ha detto:

    rebus, perdona.. 

  20. vincenzillo ha detto:

    "avanti tutta con una sana riorganizzazione"

    Glielo vai a dire tu a Palamara, presidente dell'Associazione Nazionale Magistrati? Occhio che gli viene un coccolone. Del resto, o lo fai tu, che non sei un uomo politico, o non lo fa nessuno. Perché, se per sbaglio va lì un uomo politico, di destra o di sinistra, non importa, ce n'è per tutti, il minimo che gii possa capitare di sentire è questo: "Non vorrà mica sapere meglio di noialtri quello che c'è da fare, vero? Non vorrà mica che noialtri ci si metta di traverso su quella certa legge o su quell'altra? Non vorrà mica perdere l'appoggio di quei certi settori della società civile anti-mafia, vero? Non vorrà mica che sfuggano le carte su quelle volate con l'Nsr, proprio ora, in campagna elettorale… ma no, ma no, che cos'ha capito, non sono minacce, tra persone per bene come noi ci si capisce…"
    Perché, lo sai, la devastazione della giustizia italiana non è nata con Berlusconi e, purtroppo, non morirà certo con lui.

Per 6 mesi questo blog assume la presidenza dell'Ue. Sono ammessi solo commenti sinceramente europeisti

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...