Can che abbaia

Sulla terrazza si facevano due chiacchiere rapide rapide – visti i 5 gradi di temperatura – sul matto che ha sparato alla donna politica americana. E di come i giornali italiani di sinistra, come la Repubblica, abbiano subito dato la colpa ai conservatori. In realtà, la politica non c'entra assolutamente nulla. Al mio saggio amico Alessandro è venuta in mente la storiella del cane che vede passare una volpe e si mette ad abbaiare. Udendolo abbaiare, tutti i cani del vicinato si sentono in dovere di abbaiare a loro volta. Ma loro, la volpe, mica l'hanno vista. Chissà perché gli è venuta in mente questa storiella.

Annunci

2 commenti su “Can che abbaia

  1. anonimo ha detto:

    Ha si giusto, l'attentato fuffa a belpietro e una statuetta del duomo contro B. sono frutto del clima d'odio fomentato dalla sinistra italiana…Un pazzo che organizza un attentato mirato ad un esponente democratico e nel compierlo fa' una strage invece e' uno spensierato buontempone!
    Chiaramente la Palin che pubblica l'elenco dei democratici scomodi e si fa' vedere un giorno si ed uno pure in divisa militare con un fucile in mano che ammazza fauna e flora non ha giocato nessun ruolo nella psiche gia' instabile di questo individuo…

  2. vincenzillo ha detto:

    "clima d'odio fomentato dalla sinistra italiana"

    Per le sue dimensioni, tipo e durata, l'attacco alla persona di Silvio Berlusconi – che in America chiamerebbero character assassination – è un dato storico su cui non ci possono essere dubbi, ed è allucinante che si possa non vederlo.

Per 6 mesi questo blog assume la presidenza dell'Ue. Sono ammessi solo commenti sinceramente europeisti

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...