Dalla parte dei colpevoli

L'ho sempre detto e lo ripeterò allo sfinimento: la legalità non può essere messa sopra a tutto. Ci sono casi in cui la legge umana entra in conflitto con leggi superiori. In quei casi, che si fa? C'è chi propone, in nome della laicità assoluta, di dimenticarsi che queste leggi superiori esistano. Certo, questo può farci credere di aver trovato un modo di vivere meglio o addirittura la quadratura del cerchio, il fondamento laico – o meglio ateo – per la civiltà e per le leggi di uno Stato. Ma è solo un'illusione. E casi come quello di Mariachiara e Alessandro Giusto, di cui parlai già tre anni e mezzo fa (qui), lo dimostrano. A quei tempi, la legge umana li aveva assolti e dunque io stavo con gli innocenti. Oggi la legge umana, in appello, li ha condannati (qui). E allora oplà, senza muovermi di un millimetro, ecco che mi ritrovo a stare con i colpevoli.

2 commenti su “Dalla parte dei colpevoli

  1. anonimo ha detto:

    c'è una nazione che fa al caso tuo, in cui la legge umana e civile è subordinata alla superiore legge di Dio e in cui c'è persino un organo predisposto a vigilare che le norme approvate dall'uomo e qualsiasi altro atto dello stato non contrastino con i comandamenti divini, una specie di corte costituzionale dell'Altissimo, insomma. l'organo si chiama Consiglio dei Guardiani della Rivoluzione. il paese in questione è l'Iran.vedi un po' tu…Ernesto

  2. vincenzillo ha detto:

    ernesto, le leggi superiori non devono sostituire quelle umane. Devono casomai ispirarle, sostenerle, fungere da modello irraggiungibile per i continui aggiustamenti, dato che la legge umana è e sarà sempre imperfetta. Basterebbe che la democrazia non sacrificasse la vita e la libertà sull'altare della burocrazia. E che la cultura si decidesse per la sacralità della vita umana. O quantomeno che non la deridesse come inutile retaggio del passato.La fallacia del tuo esempio è, però, anche nei fatti, perché da quelle parti non so quanto bene se la passino i bambini. Forse non proprio in Iran, ma in palestina sì, una bambina rischia di ricevere  per il suo compleanno una bella cintura di tritolo. Non un grande passo avanti, rispetto alle sevizie bielorusse.

Per 6 mesi questo blog assume la presidenza dell'Ue. Sono ammessi solo commenti sinceramente europeisti

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...