La verità? Ma chissenefrega!

santoroEleggo mia eroina della settimana la ragazza che ieri sera ad Annozero ha sbattuto la verità in faccia a Santoro. Il quale, caso strano, si è tappato le orecchie e ha fatto i versacci, come il bambino capriccioso che si rifiuta di ascoltare le cose sgradevoli. Ma andiamo con ordine. Dapprima, l’avvenente fanciulla seduta tra il pubblico ha difeso con fermezza il diritto delle belle donne di fare politica. Sacrosanto. Invece di criticare a vanvera le persone e di discriminarle solo per la loro avvenenza, gli ipocriti guardino a come lavorano. Ma il capolavoro è venuto dopo un servizio del sempre ottimo Sandro Ruotolo, sguinzagliato da Santoro nel napoletano a caccia del sordido a tutti i costi, anche dove il sordido non c’è. A caccia del pedofilo anche dove il pedofilo non c’è. Al termine del penoso servizio, quando ormai era chiaro a tutti che contro Berlusconi non c’era nulla di rilevante, né sul piano politico né giudiziario né personale, la soave fanciulla prorompeva in un commento liberatorio: “Ma chissenefrega!” Santoro e i suoi chiedono spiegazioni, e lei le fornisce più o meno in questi termini: “Ma chissenefrega se Noemi ha mandato il suo book fotografico a Mediaset quando aveva 16 anni! Qui il problema politico è che non c’è un’opposizione credibile. E finché gli argomenti dell’opposizione saranno solo queste accuse infondate, non sarà mai credibile”. Brava! Anzi, bella e brava.

Annunci

12 commenti su “La verità? Ma chissenefrega!

  1. anonimo ha detto:

    Non seguo Annozero. Ma il problema non mi semba affatto quello che poni tu. Al tuo posto mi interrogherei in maniera meno superficiale su quello che è veramente accaduto, su cosa sta accadendo, e sul ruolo attuale della politica e della stampa. Francamente l’opposizione mi sembra l’ultimo dei problemi. Santoro nemmeno quello.
    Franco unlogged

  2. vincenzillo ha detto:

    Franco, ti ascolto. Dimmi che cosa sta davvero accadendo.

    Io penso – con il fu Baget Bozzo – che il vero punto sia il rapporto diretto di Berlusconi col popolo. Cesarismo? Prodromi della dittatura? Io non credo. Ma in ogni caso, è questo che non va giù alla sinistra fighetta. C’è una larghissima parte di popolo che ama Berlusconi e lo vota. Io credo che sia anche una questione di stili contrapposti. Nello stile si manifesta quel che si è. Non è vero – come vorrebbe far credere qualcuno – che lo stile stia a sinistra e i senza stile stanno a destra, capitanati da Berlusconi. Berlusconi ha un proprio stile riconoscibile, estremamente diverso da quello della sinistra. Nell’ostentare la sua appartenenza al popolo, Berlusconi manifesta quel che è veramente. Dall’altra parte c’è un altro stile, molto più raffinato, colto, con tutt’altri riferimenti culturali. Le illazioni di Santoro cercano l’appoggio di quella parte d’Italia che si riconosce nello stile raffinato della sinistra fighetta. Quella parte di sinistra che non avendo più argomenti politici, negli ultimi 20 anni è diventata forcaiola. E’ qualcosa di viscerale. Giovani, adulti e anziani, uniti nell’irrisione. Allusioni, ammiccamenti. Nel mondo dell’editoria e della pubblicità milanese, per esempio, è una malattia molto diffusa. Invece un’altra parte d’Italia, immune dal contagio dei fighetti e delle manette, riconosce le manove di Santoro e di Repubblica per quello che sono: pure illazioni.

  3. anonimo ha detto:

    Santoro ? Ma chissenefrega!
    Preferito in alternativa una gran bella partita di coppa.
    remo

  4. reginadistracci ha detto:

    Notare la schizofrenia dei sinistresi fighetti: da una parte professano la libertà sessuale a tutto spiano, l’adulterio, la distruzione della famiglia, e dall’altra si accaniscono come Torquemada sui vizi sessuali del presidente del consiglio. Soprattutto i pubblicitari fighetti di cui parli tu: prima riempiono le immigini pubblicitarie di fi.. poi si accaniscono sul book della giovane aspirante velina. Notare la pubblicità dela Renault, il cui protagonista è un uomo con figli da diverse mogli.
    A me dei vizi privati del Berlusca non me ne frega niente. Preferisco un presidente puttaniere (scusa l’espressione) che fa cose giuste ad un presidente morigerato (come Prodi) che fa puttanate.

  5. xunder ha detto:

    Ciao Vince
    come prima cosa stringo virtualmente la mano a Reginadistracci. L’ultima frase del suo intervento colpisce.

    quanto ad Annozero me lo faccio raccontare da mio padre. Mi ha descritto quanto tu scrivi nel post. Inoltre mi ha sottolineato una cosa. alla fine dell’intervento della ragazza guarda caso non è scattato l’applauso del pubblico (di parte). Ah? a quanto pare la puntata era proprio noiosa.

    Adoro queste cose, si stanno contorcendo sulle proprie ipocrisie.

  6. anonimo ha detto:

    Ma che cosa vi sta a cuore? Chi e’ il vostro bersaglio? La “sinistra fighetta” che presuntuosa e vuota popola gli staff pubblicitari e infila le tette ovunque? E’ come ariete a chi vi affezionate? Al populismo demagogico, che quelle tette ospita sui suoi media? Contro che cosa va la vostra reazione? Contro il “sesso tribale” invocato da Vincenzillo tempo fa o contro il “radical chic”?
    Santoro specula, il presidente dice le bugie. O no?
    Franco unlogged

  7. vincenzillo ha detto:

    remo, hai ragione, non c’è paragone.

    regina, “Preferisco un presidente puttaniere che fa cose giuste ad un presidente morigerato (come Prodi) che fa puttanate.”
    Sottoscrivo la provocazione.

    Franco, il mio bersaglio è l’uomo della sinistra fighetta, che all’occorrenza passa dal relativismo morale al bigottismo, dal “liberi tutti” al giustizialismo. Nota che dico “uomo” e non solo “politico” o solo “presentatore”. Infatti, per me, i politici e i presentatori fanno parte della categoria, la aizzano, fanno i capipopolo, ma mi interessano solo come figure emblematiche di un genere assai diffuso tra chi fa un lavoro di tipo intellettuale.
    Quanto a menzogne, reati e peccati del Berlusca, mi associo alla provocazione di reginadistracci (“Preferisco un presidente puttaniere che fa cose giuste ad un presidente morigerato (come Prodi) che fa puttanate.”)
    Io comunque, dopo averti dato la mia versione in #2, sto ancora aspettando la tua versione su cosa stia realmente accadendo in Italia.

  8. anonimo ha detto:

    Succede, per es., che la sinistra (fighetta o meno) non esiste piu’ (ma per davvero). Che non ha rappresentanza (e credo non l’avra’ piu’) e che, quindi, non rappresenta piu’ nulla, ne’ un problema ne’ un’opportunita’.
    Quanto al presidente, beh secondo me qualche puttanata l’ha fatta e probabilmente la fara’ ancora. Si potrebbe discutere di molto altro, ma mi sembra impossibile finche’ l’obiettivo del tuo astio restera’ la sinistra fighetta o meno.
    Meglio chiudere su una battuta. Se il fatto che il presidente e’ un puttaniere (cosa che non so) non ti crea nessun problema resta la vexata quaestio, gli consenti l’uso del preservativo nell’esercizio delle sue funzioni?
    Franco unlogged

  9. vincenzillo ha detto:

    Franco, è lui stesso che se lo consente, (sempre ammesso che laggiù tutto funzioni ancora a dovere). 🙂

    Dici che la sinistra non esiste più. Mi sembra evidente. Forse non veniva fuori dal post, ma lo penso eccome. Qui analizzavo solo il fatto che Santoro, uno dei megafoni della sinistra, non ha altri argomenti che le illazioni. Questo per me è uno dei tanti segni rivelatori della morte della sinistra. E’ in questo senso che nel post ho scritto: “il problema politico è che non c’è un’opposizione credibile.”

    Invece non ti seguo quando dici “non rappresenta piu’ nulla, ne’ un problema ne’ un’opportunita’.” Per me invece questa assenza è un problema, anzi un grave problema.

  10. anonimo ha detto:

    Appunto perche’ e’ un problema sarebbe forse conveniente concentrarsi su Porta a Porta et similia invece che su Santoro, su chi trionfa e non su chi ha perduto.

  11. vincenzillo ha detto:

    chi ha perduto non ha semplicemente perduto: si è suicidato.
    il lento ma inesorabile suicidio politico della sinistra italiana (accompagnato da un corteo di allegri zombie culturali) è per me un fenomeno che merita la stessa attenzione del fenomeno opposto: la rinascita della destra e del centro.
    per me santoro & compagnia sono perfette cartine al tornasole per il primo fenomeno.

  12. anonimo ha detto:

    In questo caso val bene il detto: “Guai ai vinti!”

Per 6 mesi questo blog assume la presidenza dell'Ue. Sono ammessi solo commenti sinceramente europeisti

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...