Chi ti ha dato la patente?

gad lernerImmaginiamo un mondo senza automobili. Anzi, togliamo pure i camion. No, non sono impazzito, non è un sogno ecologista, fatemi proseguire. Tra le conseguenze della sparizione degli autoveicoli ci sarebbe l’improvvisa inutilità delle patenti B e C, con la conseguente chiusura di una quantità immensa di scuole guida. Decine, centinaia, migliaia, forse milioni di persone a spasso in tutto il mondo. Ecco, ora immaginate un’Italia senza razzisti e senza fascisti. Non è facile immaginarsela, eh, perché ogni giorno un sacco di persone colte e simpatiche ci urlano dalla tv che l’Italia ne è piena, anzi che lo siamo tutti. In ordine alfabetico i primi che mi vengono: Bisio, Crozza, Dandini, Fazio, Fo, Lerner, Santoro, Ovadia, Vauro. Certe sere un vero assedio. Ebbene, in un’Italia del genere verrebbe meno la necessità di due patenti, quella di Antirazzista e quella di Antifascista. Patenti attualmente rilasciate in esclusiva dai signori appena ricordati e dai politici amati dai signori appena ricordati. Patenti che oggi servono ancora per lavorare in campi come il cinema, come ha detto bene recentemente Michele Placido da Vespa. Patenti che ti permettono di oltrepassare i limiti dell’assurdo senza venire multato. Per esempio puoi dare del razzista a Berlusconi proprio nel momento in cui la sua battutaccia dimostra nella maniera più chiara possibile che la sua mentalità è lontanissima dal pregiudizio razziale. Ma si sa, l’artista deve avere fiuto per certe cose, ed ecco la corsa per avere la patente, salire a bordo del carrozzone dei beoti e destreggiarsi tra i luoghi comuni più beceri. Ora, in un’ipotetica Italia senza fascisti e senza razzisti, e dunque lontanissima dall’Italia attuale, per carità, sorgerebbe un problema etico di non facile soluzione: che cosa farebbero tutti quei signori?

Upgrade 12 novembre: il giorno dopo questo post, sul Manifesto, quotidiano comunista, l’editoriale si intitolava "Patente di razzismo". Guarda a volte il caso! A chi veniva rilasciata lo lascio indovinare a voi: Maroni o il KKK?