Colazione da vincenzillo

Ore 8.15. Vincenzillo, uscendo dalla camera con gli occhi ancora pesti di sonno, si avvicina alla pila di quotidiani già ispezionati dalla moglie, che ha avuto anche il tempo di fargli un tè caldo. Un’occhiata ai bordi ripiegati è sufficiente per intuire a chi appartenga il volto stampato sulla prima pagina di tutti quanti.
Vincenzillo: "Allora ha vinto el nègher?"
Moglie: "Sempre meglio lui dello zombie".
Non è adorabile?