Letterina a Marco Travaglio

Oh puro Marco,
quando ero adolescente, una sera intorno a un falò baciai appassionatamente una ragazza siciliana, la quale anni dopo si sposò con un mafioso e recentemente è stata condannata per favoreggiamento. A mia parziale discolpa posso addurre il fatto che la ragazza era molto più formosa, molto più femminile, molto più tentatrice  di Totò Riina, ma temo che questo non basti. Dimmi la verità, oh puro, oh giusto Marco: secondo te quel bacio fa di me un mafioso? E se è così, potresti indicarmi il commissariato di Polizia più vicino? Avverto un impellente bisogno morale e politico di costituirmi.

Annunci