Un pensiero per Oriana Fallaci

Mi unisco al cordoglio dei tanti che oggi ricordano una donna coraggiosa.
Non l’ho mai scelta come mio maestro; di lei ho letto solo articoli ma mai un libro per intero; non l’ho mai incontrata di persona, né l’ho desiderato.
Eppure oggi mi sento di ringraziarla per una cosa. Una cosa semplice ma estremamente rara: essersi alzata in piedi per dire ad alta voce chi era e cosa voleva, dove stava il bene e dove il male, dove la salute e dove la malattia. Per se stessa e per la nostra civiltà.
Da quel momento non è stata più solo se stessa: rappresentava qualcosa, era un’icona, un simbolo. Amata, odiata, difesa, oltraggiata, anche e soprattutto per quello che rappresentava.
Personalmente l’ho apprezzata perché ha gridato la sua paura, perché anch’io ho avuto e ho paura.
Invece non l’ho apprezzata quando ha sputato veleno e ha insultato indiscriminatamente.
Ora, in questo venerdì piovoso, la saluto con rispetto.

16 commenti su “Un pensiero per Oriana Fallaci

  1. normal ha detto:

    mi unisco al tuo saluto ad oriana fallaci/
    non avrei saputo trovare parole migliori per farlo…

  2. vincenzillo ha detto:

    Detto da te, mi fa doppiamente piacere.

  3. anonimo ha detto:

    vince: io per il mare non ho bisogno di partire. 😛

  4. barbara68 ha detto:

    ho amato molto oriana fallaci nella mia adolescenza, la sua passione, il suo impegno, la rabbia, quella positiva, l’empatia e l’acutezza, e fino a Inshallah. E quell’Oriana rimpiango. Poi, mi chiedo se qualcuno non abbia approfittato del disagio di una donna molto malata, e di pensieri che non potevano essere limpidi nella sua situazione. Almeno, voglio pensarla così perchè non riesco a tracciare una connessione tra l’Oriana empatica della gioventù e quella claustrofobica degli ultimi tempi. ricordiamocene per ciò che di meglio ci ha dato e dimentichiamo il suo peggio, senza gettarcisi sopra come corvi, mancando di rispetto a lei e alla morte.

  5. Fainberg ha detto:

    Sono d’accordo con Barbara, quella degli ultimi anni era un’Oriana claustrofobica, ben diversa dall’Oriana che ha girato il mondo in lungo e in largo per ficcare il microfono sotto il naso di chi ha cavalcato la storia. L’Oriana livorosa e intollerante è quella che non si muoveva più da casa, è quella che la malattia vorrebbe lasciarci come ricordo ultimo. Ma sarebbe ingiusto. La Fallaci che voglio ricordare io è un’altra.

  6. BaronKarza ha detto:

    saluto vincenzillo e il suo nuovo blog!
    benvenuto nella congrega. 🙂

  7. vincenzillo ha detto:

    Grazie Baron.

    neal: ti invidio ancora di più, dopo che ieri sera mi son subìto 3 ore e mezza di ritardo su un viaggio che doveva durare sei. trenitalia di #*]%^!!!

    Barbara68 e Fainberg, come ho detto, io la “prima” Oriana non la conosco ancora. Quello che mi sento di dire, però, è che la connessione con la “seconda” c’è, ed è il suo coraggio, ed è soprattutto la sua libertà. La malattia per me non basta per liquidare le sue ultime posizioni come vaneggiamento o claustrofobia. Pur non condividendo gli insulti indiscriminati, io credo che lei sia una delle poche che abbia avvertito a fondo la gravità del problema: chi siamo, cosa vogliamo, chi difende quella libertà che appartiene alla nostra identità?

  8. anonimo ha detto:

    Purtroppo, non ho un bella opinione della Fallaci. Non l’avevo prima, non l’ho adesso dopo la sua morte. Non l’ho sulla prima Fallaci, ancora meno sulla seconda. Tra le due, inoltre, noto pochissime differenze. Ho letto un paio di suoi libri prima dell’9/11, Lettera a un bambino mai nato e Intervista con la storia. E già mi erano bastati.
    Invece ti trovarla contro, l’ho sempre trovata totalmente conformista. Conformasta perché è sempre stata e ha sempre detto esattamente quello la società di quel momento voleva sentirsi dire. E dovevi essere per avere successo. Femminista quando c’era da essere femministe, rivoluzionare quando c’era da essere rivoluzionari, anticlericali quando c’era da essere anticlericali, impauriti quando c’era da essere impauriti.
    L’Osvaldo.

  9. nealcassady ha detto:

    normal: ti ho accontentato… ho riaperto.

    😛

  10. avy ha detto:

    gentile vincenzillo, per me il suo merito è stato quello di essere “Una Persona”, anteponendo le proprie convinzioni alle possibili convenienze.

    straordinario, dalle nostre parti.

  11. vincenzillo ha detto:

    avy, grazie.
    Ma possiamo darci del tu, che sul blog se no mi imbarazzo?

    L’Osvaldo, no dai, conformista no. Per quanto io non sopporti le femministe coi baffi, gli anticlericali alla don Peppone, i rivoluzionari della domenica, gli impauriti della propria ombra, lei secondo me non era niente di tutto questo.

  12. supergiovane ha detto:

    non male… condivido.

  13. nealcassady ha detto:

    vince: hai ricevuto il mio suggerimento del giorno?

  14. anonimo ha detto:

    Ho letto quella che qui viene chiamata Oriana1, e mi sono rifiutata di comprare i libri di Oriana2.
    Era molto egocentrica, e negli ultimi anni il suo egocentrismo non è più stato stemperato dall’amore per l’umanità, che aveva avuto in misura enorme.
    Condivido il suo non volere che le persone cambiassero opinione su di lei dopo la sua morte. Il mio omaggio è non aver cambiato opinione.
    Susanna

  15. anonimo ha detto:

    “La giornalista-scrittrice che ama la guerra perché le ricorda quando era giovane e bella”…
    Cantava Lorenzo Jovanotti.

    Salviamoci da chi resta. Ciao Oriana!

    Bravo Vince, un mio collega.

    deathmask

  16. vincenzillo ha detto:

    deathmask, anche se hai un nick inquietante, accetto la tua colleganza. 🙂

    superG, ciao.

    Susanna, a mio parere l’amore c’era ancora, eccome. Ma non più indiscriminato ,bensì riservato solo alle cose che aveva più care. Nella sfera personale non so quali fossero, ma in quella pubblica eravamo noi, io e te, per esempio.

Per 6 mesi questo blog assume la presidenza dell'Ue. Sono ammessi solo commenti sinceramente europeisti

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...